Rendimenti stabili per i Bond europei tra incertezze politiche diffuse

Rendimenti titoli di stato drogati da Bce. Il quadro economico europeo appare dominato da incertezza politica e da un malessere diffuso.

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Rendimenti titoli di stato drogati da Bce. Il quadro economico europeo appare dominato da incertezza politica e da un malessere diffuso.

Rendimenti sostanzialmente stabili per il debito sovrano europeo all’indomani della decisione della Fed, largamente attesa, di alzare i tassi statunitensi all’1,25 per cento. Ogg è d’altronde atteso il meeting della Bce che non dovrebbe intervenire sul costo del denaro, ma potrebbe fornire nuove indicazioni sul quantitative easing. Il rendimento del Bund tedesco si conserva allo 0,32% mentre quello del BTP decennale italiano recupera l’1,80 per cento (+2 punti base). Lo spread si pone dunque a 148 punti base.  Stabile l’Oat francese con uno yield allo 0,66% mentre quello del Bono spagnolo recupera 2 punti base e torna all’1,51%.

 

Incertezza politica domina l’Europa

 

L’incertezza politica regna sovrana nel mondo occidentale, con la vistosa eccezione (forse) della Francia. In Germania l’SPD si consulta ancora sull’opportunità di varare un’alleanza con la CDU della Merkel dopo i duri scontri in campagna elettorale e nonostante le promesse fatte in proposito: in gioco c’è però la governabilità del Paese, una posta di non poco momento.

Un discorso simile si potrebbe fare per l’ Italia dove il leader di Forza Italia ha preso tempo dichiarando che si potrebbe andare avanti con un governo dell’attuale premier Paolo Gentiloni in caso di mancanza di maggioranza alla prossima tornata elettorale. Le dichiarazioni accompagnano nuove tensioni con il leader della Lega Matteo Salvini e si inseriscono nel contesto di una crescente frammentazione politica a destra come a sinistra.

In Spagna l’attesa è per il voto catalano del 21 dicembre, qui le tensioni politiche sono dunque ai massimi, mentre in Gran Bretagna si è registrata la sconfitta del governo di Theresa May, a seguito del voto contrario un gruppo dei Tory (il partito di destra che sostiene la stessa May), su un emendamento fondamentale della legge quadro sul Brexit.
Negli Stati Uniti in Alabama si è registrata la pesante sconfitta del candidato di Donald Trump Roy Moore, voluto dal presidente contro l’opinione dei repubblicani locali nonostante le pesanti accuse di pedofilia. La successiva presa di distanza di Trump dallo stesso Moore non ha cancellato l’impressione che il malcontento che ha portato The Donald alla presidenza possa rapidamente rivoltarsi contro di lui. Soprattutto pesa però l’ingresso di un democratico al Senato USA al posto di un repubblicano in quanto in questa camera la maggioranza potrà contare d’ora in poi soltanto su un voto in più della minoranza.

Il quadro politico del mondo occidentale appare dunque dominato da incertezza politica e da un malessere diffuso che, in pervicace assenza di risposte concrete ai ceti medi e bassi, rischia di favorire una nuova frammentazione politica e nelle policy.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.