Rendimenti bond e spread stabili dopo Brexit, ma resta alta la volatilità

Lo Spread scende a 159 punti, mentre il Bund a 10 anni rende -0,07%. Nuovo record per i titoli di stato inglesi dopo la Brexit

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Lo Spread scende a 159 punti, mentre il Bund a 10 anni rende -0,07%. Nuovo record per i titoli di stato inglesi dopo la Brexit

Il mercato obbligazionario europeo, dopo le forti turbolenze post Brexit di venerdì scorso, ha avviato la seduta all’insegna della calma. Lo spread Btp/Bund tratta in lieve calo a 159 punti base rispetto ai 161 della chiusura di venerdì. Tra gli investitori resta comunque ben presente la cautela, con il rendimento del Bund decennale che continua a trattare in negativo al -0,072% e con il costo del finanziamento del ventennale nipponico che, nel corso della notte, ha aggiornato nuovamente il minimo storico allo 0,085%, così come quello del trentennale che è sceso fino allo 0,11%. La reazione degli spread della periferia dell’Eurozona è stata negativa post Brexit, ma avrebbe potuto essere peggiore, visti anche i movimenti estremi dei Bund e dei Gilt che sono scesi sotto 1% di rendimento per la prima volta. Ciò rappresenta una buona indicazione del fatto che le misure della Bce, e in particolare il QE, sono efficaci, sottolineano gli strategist di Unicredit. Comunque sia per gli esperti la cautela è d’obbligo sull’obbligazionario periferico in quanto ci sono ancora molti fattori che devono essere valutati.

Nel frattempo i risultati delle elezioni in Spagna dimostrano che i partiti populisti non hanno ricevuto una spinta dal risultato del refendum sulla Brexit e infatti la borsa spagnola ha aperto in rialzo. Per gli esperti l’obbligazionario spagnolo potrebbe sovraperformare quello italiano nelle prossime sedute, ma tutto dipenderá dai negoziati per la formazione del nuovo Governo iberico.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bond Germania, Btp

I commenti sono chiusi.