Rating Turchia: Moody's peggiora l'outlook da stabile a negativo

Moody’s prevede un peggioramento del rating della Turchia (Ba1). Il rendimento dei bond in valuta arriva fino al 6,5%

Condividi su
Seguici su
Mirco Galbusera

Moody’s Investors Service venerdì ha peggiorato da stabile a negativo l’outlook della Turchia, sottolineando che negli ultimi mesi i rischi per il profilo del credito di Ankara sono “aumentati significativamente”.

 

L’agenzia di rating aveva messo sotto revisione la Turchia per un possibile downgrade in luglio, sostenendo di dovere valutare a fondo l’impatto del fallito golpe militare sulla crescita economica del Paese, per poi in settembre peggiorarne il rating di una tacca a Ba1, primo livello spazzatura (ovvero speculativo). In quell’occasione l’outlook stabile era stato attribuito sulla valutazione del bilancio pubblico, definito “solido”. Moody’s aveva però detto di attendersi che il deterioramento del rating del credito della Turchia potesse continuare ancora per due, tre anni.

 

I bond della Turchia rendono fino al 6,5%

Sul fronte obbligazionario, i bond turchi emessi in dollari (usd) non hanno subito particolari scossoni. Il decennale Turchia 6% 2027, emesso lo scorso gennaio per 3,25 miliardi (Isin US900123CL22 ), rende il 5,62%. Rendimento che si alza fino al 6,5% per le scadenze 2043 e 2045. Sul tratto breve della curva, invece, il bond 7,50% con scadenza luglio 2017 (Isin US900123BE97) rende 1,39%, mentre il biennale, stessa cedola, (Isin US900123BF62 ) offre uno yield del 3,79% a scadenza. Interessante anche il bond in euro con scadenza maggio 2020 (Isin XS0503454166 ) che paga un coupon del 5,125% e rende il 2,02%. Taglio minimo, 50.000 euro.

Seguici su Facebook

Condividi su
Seguici su

Commenta la notizia





SULLO STESSO TEMA