Questo bond emergente ti avrebbe fatto guadagnare fin quasi il 20% da inizio anno

Guadagni a doppia cifra e in pochi mesi con un bond emergente a lunga scadenza, che potrebbe tornare a correre nei prossimi mesi

di , pubblicato il
Bond emergente del Sudafrica

Non è stato un bel periodo per il Sudafrica, alle prese con rivolte sanguinarie, tensioni politiche e occhi puntati dei mercati finanziari sulla sostenibilità del suo debito pubblico crescente. Ma chi avesse puntato su un bond a lunga scadenza su questo mercato emergente, oggi potrebbe dirsi più che soddisfatto. Il titolo in rand con scadenza 28 febbraio 2048 e cedola 8,75% oggi offre un rendimento del 10,54%. Presenta una quotazione di poco inferiore ai 94 centesimi.

Immaginiamo di avere inserito questo bond emergente in portafoglio all’inizio del 2021. Il titolo si acquistava a un prezzo di meno di 82 centesimi. Dunque, avremmo messo a segno un guadagno in conto capitale superiore al 3%. Nel frattempo, poi, il tasso di cambio del rand sudafricano contro l’euro risulta essersi apprezzato del 6,85%. Infine, avremmo incassato il rateo relativo alla cedola dell’8,75%. Anzitutto, questa equivaleva al 10,7% dell’esborso effettivo di inizio anno. In totale, avremmo guadagnato qualcosa come il 16% tra rivalutazione del bond emergente, apprezzamento del cambio e cedola.

Bond emergente e guadagni a doppia cifra

E pensare che a fine maggio, le condizioni fossero molto migliori. Il bond emergente quotava un po’ meno di oggi, guadagnando poco più del 2% da inizio anno. Tuttavia, il rand sudafricano metteva a segno un rialzo del 12,5% contro l’euro. Sommata la cedola per i quasi quattro mesi di detenzione del titolo, si sfiorava un guadagno lordo del 19%.

E adesso? Il Sudafrica resta in condizioni economiche e fiscali critiche. Va detto, però, che il deficit atteso per quest’anno e il prossimo all’8% del PIL risulta inferiore alle precedenti stime degli analisti. E forse anche sul piano politico le tensioni più acute sono state superate.

Infine, i rendimenti reali sudafricani allargano il loro divario rispetto a quelli vigenti sui mercati avanzati, acquisendo ulteriore appeal. Difficile ignorare un bond emergente come quello a 30 anni con scadenza nel 2048 e denominato in rand. Il rischio di cambio esiste, così come quello sovrano. Ma partiamo da livelli di rendimento così elevati da consentirci di buttarci giù l’occhio.

[email protected] 

Argomenti: , , ,