PSM modifica il prezzo di conversione dei bond 2015-2021

L’assembla di Primi sui Motori ha modificato le condizioni del bond convertibile. Il rapporto di conversione passa da 7,04 a 2,50 euro. Tutti i dettagli

di Mirco Galbusera, pubblicato il
L’assembla di Primi sui Motori ha modificato le condizioni del bond convertibile. Il rapporto di conversione passa da 7,04 a 2,50 euro. Tutti i dettagli

L’Assemblea dei portatori di obbligazioni “PSM 2015-2021 – Obbligazioni Convertibili” nonché l’Assemblea straordinaria degli azionisti, riunitesi in data 16 novembre 2016, hanno approvato le modifiche delle condizioni del prestito obbligazionario convertibile “PSM 2015-2021- Obbligazioni Convertibili” (ISIN IT0005152241).

Più specificatamente – recita una nota della società – le Assemblee di Primi sui Motori, ciascuna per propria competenza, hanno deliberato di modificare il prezzo di conversione delle obbligazioni da euro 7,04 ad Euro 2,50 e di prevedere un rapporto di conversione pari a n. 400 azioni per ogni obbligazione convertita (rispetto alle precedenti n. 142 azioni ogni obbligazione convertita). L’Assemblea Straordinaria ha di conseguenza modificato anche i termini e le condizioni dell’aumento di capitale a servizio esclusivo della conversione, deliberando di incrementare il numero di azioni ordinarie al servizio del suddetto prestito fino a un massimo complessivo di n. 3.959.200. Il testo aggiornato del Regolamento del prestito “PSM 2015-2021-Obbligazioni Convertibili” sarà reso disponibile sul sito internet della società, sezione Investor Relations/prestiti obbligazionari.

Primi sui Motori: un passo importante verso il rafforzamento patrimoniale

Alessandro Reggiani – Presidente e Amministratore Delegato – ha dichiarato: “Le deliberazioni assunte segnano un nuovo passo nel percorso virtuoso intrapreso dalla Società e rappresentano un segnale positivo da parte di obbligazionisti e azionisti nel tracciare un cammino volto al rafforzamento patrimoniale della Società.” L’Assemblea straordinaria, infine, ha deliberato la modifica dell’art. 10 dello statuto sociale, al fine di conferire al Consiglio di Amministrazione la facoltà di derogare al sistema della convocazione unica e di ricorrere a convocazioni successive alla prima, come consentito dall’art. 2369 comma 1 C.C. Tale modifica è volta a conferire al Consiglio di Amministrazione uno strumento che consenta una maggiore flessibilità nella convocazione dell’assemblea degli azionisti. Il verbale dell’Assemblea degli Obbligazionisti e dell’Assemblea Straordinaria, completo degli allegati e del rendiconto sintetico delle votazioni nonché del numero di obbligazioni e azioni rappresentate in Assemblea e di quelle per le quali è stato espresso il voto, la percentuale di capitale che tali azioni rappresentano, il numero di voti favorevoli e contrari alla delibera ed il numero di astensioni, sarà reso disponibile sul sito internet della Società entro i termini stabiliti dalla vigente normativa e sarà inoltre messo a disposizione del pubblico presso la sede sociale e depositato presso Borsa Italiana S.p.A. nei termini previsti dalla vigente normativa.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni convertibili