Prima Industrie prepara bond senior

Sarà di 40 milioni la size del prestito obbligazionario della società specializzata in sistemi laser. Il ricavato servirà a rinnovare debiti in scadenza

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Sarà di 40 milioni la size del prestito obbligazionario della società specializzata in sistemi laser. Il ricavato servirà a rinnovare debiti in scadenza

Il Cda di Prima Industrie ha deliberato l’emissione, entro il 30 giugno, di un prestito obbligazionario senior non convertibile, a tasso fisso, fino ad un ammontare di 40 milioni euro. Il taglio minimo dell’emissione, spiega una nota, è di 200.000 euro e il bond è rivolto ai soli investitori qualificati italiani e/o stranieri, con esclusione di quelli Usa. L’ammontare, il tasso, nonché il prezzo dell’emissione saranno determinati in base alle condizioni di mercato. Prima Industrie prevede di richiedere la trattazione del prestito nel sistema multilaterale di negoziazione Euro Mtf gestito dalla Luxembourg Stock Exchange. Tramite la prossima emissione la società si propone di diversificare le fonti di finanziamento sostituendo parte dell’attuale indebitamento a medio lungo termine in scadenza nel 2016. Unicredit Bank Ag agisce quale Bookrunner dell’operazione   Ricavi stabili e debito in aumento nei primi nove mesi del 2014   [fumettoforumright]Prima Industrie ha chiuso i primi 9 mesi dell’anno con un utile netto in crescita del 224% a 6,844 milioni di euro (2,134 milioni al 30/09/2013). Il carico fiscale del 2013 era influenzato da un effetto positivo dovuto all’iscrizione di un credito verso l’erario pari a 1,048 milioni, a seguito della presentazione delle istanze di rimborso Ires (deduzione Irap ai fini Ires per gli anni 2007-2011). I ricavi consolidati ammontavano a 236,920 milioni sostanzialmente stabili rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente. L’Ebitda è pari a 23,649 milioni (10% del fatturato) e rispetto ai primi nove mesi del 2013 si registra un miglioramento sia in termini percentuali (aumento dell’1,7%), sia in termini assoluti (+3,894 milioni). L’Ebit risulta pari a 15,292 milioni in aumento di 4,311 milioni rispetto ai primi nove mesi del 2013 (pari a 10,981 milioni). La posizione finanziaria netta mostra un indebitamento netto pari a 106,686 milioni, in aumento rispetto al 31/12/2013, ma in deciso miglioramento (-27,658 milioni) rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni societarie