Pressione su Btp può indurre governo a risposta rapida

Correzione in vista alla manovra di bilancio. Il Mef sta lavorando a un piano B per ridurre il ricorso all'indebitamento pubblico

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Correzione in vista alla manovra di bilancio. Il Mef sta lavorando a un piano B per ridurre il ricorso all'indebitamento pubblico

Lo spread Btp/Bund tratta in netto allargamento a 345 pb, dopo la consegna della lettera di richiamo della Commissione Ue al governo italiano. “L’Italia avrà tempo fino alle 12h00 di lunedì per rispondere ai rilievi emersi nella lettera dell’Ue”, sottolineano gli strategist di Mps Capital Services, aggiungendo che Roma “mentre dovrà far pervenire la manovra rivista entro il 20 novembre”.

Successivamente, proseguono gli esperti, “l’Ue si pronuncerà ufficialmente entro il 30 novembre, quando potrebbe nuovamente respingere i piani del Governo, un cartellino giallo, prima di far scattare la procedura sanzionatoria, il cartellino rosso, nell’aprile del prossimo anno”. Tuttavia, concludono da Mps Capital Services, “la ripresa delle tensioni questa mattina potrebbe indurre l’Esecutivo giallo-verde ad una rapida risposta alla Commissione Europa”.

Nel frattempo, rumors di borsa indicano che la manovra di bilancio potrebbe essere corretta con un impatto minore sul deficit. I tecnici del Mef starebbero infatti lavorano a un piano B che consenta all’Italia di mantenere invariati i saldi di bilancio ricorrendo in misura inferiore al maggior indebitamento aumentando al contempo il taglio alle spese.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp