Popolare di Vicenza: bond in ribasso su dubbio garanzie pubbliche per aumento di capitale

I prezzi delle obbligazioni della Popolare Vicenza risentono delle incertezze legate all’aumento di capitale

di Mirco Galbusera, pubblicato il
I prezzi delle obbligazioni della Popolare Vicenza risentono delle incertezze legate all’aumento di capitale

Banca Popolare di Vicenza ha bisogno di 1,75 miliardi di aumento di capitale per stare in piedi. Non per rimettersi in moto, ma per non finire in bancarotta. UniCredit, che inizialmente aveva garantito l’aumento di capitale di Popolare Vicenza per 1,5 miliardi di euro, vorrebbe prendere tempo poiché di soldi, a conti fatti, nelle casse della banca vicentina ne servono 250 milioni in più. La differenza, stando alle ultime notizie trapelate da fonti governative vicine allo scottante dossier – come riporta Il Sole 24 Ore – ce la dovrebbe metterebbe la Cassa Depositi e Prestiti (CDP), controllata al 80% dal Ministero dell’Economia. Quindi, altro denaro pubblico verrebbe gettato nella fornace di un gruppo bancario decotto che, poi, con il via libera della BCE, finirebbe nelle fauci di Unicredit. L’alternativa sarebbe il bail in bancario. Del resto, se le cose non dovessero risolversi (e non sono in molti ad avere tanti soldi da rischiare), Popolare di Vicenza fallirebbe in un attimo compiendo il disegno criminale già visto su Banca Marche, Popolare Etruria, Carichieti e Carife: azionisti e correntisti distrutti, dirigenti che restano impuniti e milionari.  

Obbligazioni Banca Popolare di Vicenza rendono più del 10%

  Nell’incertezza generale sulla riuscita dell’aumento di capitale che Unicredit si è impegnata a garantire e nella preoccupazione di migliaia azionisti che si sono visti distruggere il capitale e che ora dovrebbero pompare altri soldi nelle casse di Bpvi, le obbligazioni quotate rimangono in sofferenza. Il bond in scadenza fra un anno Bpvi 2,25% 2017 (codice ISIN IT0005003154) è in ribasso e prezza 93 circa per un rendimento che supera di poco il 10%. Stesso rendimento per le obbligazioni Bpvi 3% agosto 2016 (codice ISIN IT0004942261) in scadenza fra quattro mesi. Mentre il bond subordinato high yield a 10 anni da 200 milioni di euro lanciato lo scorso autunno, Bpvi 9,50% 2025 (codice ISIN XS1300456420) è scivolato sotto quota 72.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Banca Popolare di Vicenza, Obbligazioni High Yield, Obbligazioni subordinate

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.