Plt Energia sottoscrive finanziamento ibrido per 162,3 mln

Il bond Plt Wind, pari a 60 mln, sarà quotato al segmento ExtraMotpro di Borsa Italiana, è unrated e strutturato a tasso variabile

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il bond Plt Wind, pari a 60 mln, sarà quotato al segmento ExtraMotpro di Borsa Italiana, è unrated e strutturato a tasso variabile

Plt Energia ha sottoscritto un’operazione di finanziamento ibrido composto da un’emissione obbligazionaria e finanziamento bancario a favore di Plt Wind Spa (società interamente controllata). Lo si apprende da una nota. L’operazione, volta a consentire, tra le altre cose, il rifinanziamento di un portafoglio di 9 impianti eolici per una potenza complessiva installata di 110,6 MW che sarà perfezionato il 23 ottobre, prevede una struttura finanziaria che comprenderà sia un loan bancario sia un project bond, entrambi senior secured, per un ammontare complessivo di 162,3 mln euro.

Il bond, pari a 60 mln, che sarà quotato al segmento ExtraMotpro di Borsa Italiana, è unrated e strutturato come un’unica tranche a tasso variabile interamente collocato presso investitori istituzionali internazionali. L’operazione è stata condotta con successo congiuntamente a Unicredit, che ha agito in qualità di Transaction Agent, Mandated Lead Arranger e Sole Bookrunner.

Lo studio legale internazionale Orrick, Herrington & Sutcliffe ha assistito il gruppo Plt, curando l’attività di revisione della documentazione relativa al finanziamento bancario, all’emissione obbligazionaria e alle garanzie, nonché la redazione del documento di ammissione dei titoli alla negoziazione sul mercato multilaterale di negoziazione ExtraMot Pro e la relativa attività di ammissione con Borsa Italiana.

L’avvocato Marco Rossi, partner dello Studio Tributario e Legale Rossi Rossi & Partners, ha curato per conto del Gruppo Plt la hedging strategy dell’operazione e l’analisi delle coperture dei tassi. Lo studio legale internazionale BonelliErede ha assistito Unicredit, Banco Bpm e gli investitori istituzionali incluso il fondo, SCOR Infrastructure Loans III, gestito da SCOR Investment Partners, quali finanziatori dell’operazione. Infine, PwC TLS ha agito come advisor delle banche e degli investitori istituzionali per gli aspetti fiscali, DNV GL come advisor tecnico, mentre AON in qualità di advisor assicurativo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Minibond