Ombre cinesi su Fca: bond ancora al galoppo, ma è solo speculazione

La cinese Great Wall Motor sarebbe interessata a Jeep. Fca smentisce la vendita e anche le trattative. Tutte voci infondate, ma i bond salgono

di , pubblicato il
La cinese Great Wall Motor sarebbe interessata a Jeep. Fca smentisce la vendita e anche le trattative. Tutte voci infondate, ma i bond salgono

Ancora vento in poppa per i bond Fiat Chrysler Automobiles. Sui titoli del gruppo si sta concentrando l’attività degli investitori dopo le indiscrezioni che giungono dalla Cina per un interessamento alle attività del gruppo automobilistico italo-americano.

 

Secondo rumors, Great Wall Motor Co. sarebbe interessato ad acquistare il marchio Jeep e avrebbe raggiunto Fiat Chrysler Automobiles per vedere se un accordo può essere negoziato.

E’ quanto ha detto il big cinese al sito di settore Automotive News come riportato dalla testata. Il presidente di great Wall, Wang Fengying ha scritto in una e-mail a Automotive News che il gruppo intende acquistare Jeep e “sta contattando Fca” per iniziare i negoziati. Non sorprende che il player asiatico voglia solo Jeep. Gli analisti dicono che Jeep è indiscutibilmente la parte più preziosa del portafoglio Fca. Dal canto suo Fca ha smentito ogni indiscrezione dicendo che Jeep non è in vendita, che nessuna offerta è stata avanzata dai cinesi e che Fca prosegue nella realizzazione del proprio programma di espansione industriale nel Nord America. Secondo gli analisti, poi, l’obiettivo principale di Fca resta quello di convolare a nozze con GM negli Stati Uniti.

 

Bond FCA alle stelle

 

Ma tant’è che i bond hanno messo le ali. L’obbligazione senior FCA 3,75% 2024 da 1,25 miliardi di dollari (Isin XS1388625425 ) è arrivata a 109 per un rendimento che super di poco il 2%. Sul tratto breve della curva, invece, il bond FCA 6,75% 2019 (Isin XS0953215349 ) è addirittura a 112 per un rendimento che non raggiunge nemmeno lo 0,70% a fronte di un rating che rimane in area “speculative grade”. Moody’s ha recentemente confermato il rating di FCA a Ba3 pur migliorando l’outlook da stabile a positivo, in linea con Fitch, mentre Standard & Poor’s ha ancora un outlook stabile. L’agenzia ha spiegato che la decisione riguardante il gruppo guidato da Sergio Marchionne è legata alla “performance operativa migliorata nell’anno fiscale 2016, ai continui sforzi riguardanti il bilancio e alla ripresa della sua quota di mercato in Europa dal 2015”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: