Obbligazioni Telecom Italia 2033, cedola altissima e rendimento molto buono

Il bond della compagnia telefonica in scadenza tra 13 anni (ISIN: XS0161100515) venne emesso come trentennale con rendimenti elevati e che ancora oggi risultano ugualmente appetibili, pur inferiori.

di , pubblicato il
Il bond della compagnia telefonica in scadenza tra 13 anni (ISIN: XS0161100515) venne emesso come trentennale con rendimenti elevati e che ancora oggi risultano ugualmente appetibili, pur inferiori.

Cedola e rendimenti elevati nell’era dei tassi a zero? E’ difficile trovare obbligazioni con simili caratteristiche, ma qualcosa in giro c’è. E sul mercato italiano abbiamo scovato le obbligazioni di Telecom Italia con scadenza 24 gennaio 2033 (ISIN: XS0161100515) e tasso d’interesse annuo del 7,75%. Furono emesse nel gennaio 2003 come trentennali, per cui ai tassi di allora la cedola risultava in linea con le aspettative del mercato. Oggi, però, il titolo lo si acquista a circa 147. Questo significa che per portare a casa obbligazioni dal valore nominale di 1.000 euro ne dovrò spendere 1.471.

A questo punto, la cedola del 7,75% ammonterebbe a 77,50 euro per ogni 1.000 euro, ma rapportata all’esborso effettivo renderebbe il 5,27%. Al netto dell’imposizione fiscale del 26%, la cedola scenderebbe ancora al 3,90% dell’investimento, che resterebbe una percentuale di tutto rispetto in una fase come questa, considerando che ormai il BTp 2067, il più longevo esistente sul mercato sovrano domestico, offra meno dell’1,75% netto.

Non è finita, però, perché alla scadenza l’emittente ci rimborserebbe 1.000 euro e non i 1.471 euro effettivamente spesi. Per questo, tra circa 12 anni e mezzo accuseremmo una minusvalenza del 32% (471/1.471). Spalmandola per la durata residua del bond, farebbe il 2,57% lordo di rendimento annuo in meno, qualcosa come il -1,90% netto. Sottraendolo al 3,90% netto effettivo della cedola, porterebbe il rendimento al 2% netto.

Obbligazioni con rating “spazzatura”

Può sembrare poco, eppure dovrebbe dopo tutto bastare a proteggere il capitale investito dalla perdita del potere di acquisto. Il tasso d’inflazione in Italia è attualmente negativo, ma si consideri che l’obiettivo di medio termine della BCE consiste nel perseguire una crescita tendenziale dei prezzi di poco inferiore al 2%. Non ci riesce ormai da circa 7 anni e mezzo.

In questa fase, risulta difficile immaginare che da qui al 2033 l’inflazione mediamente superi il 2% offerto dal bond.

Certo, abbiamo fatto un confronto con i rendimenti dei BTp, anche se bisogna ammettere che i rating di Telecom Italia siano più bassi: “Ba1” con prospettive negative per Moody’s, “BB+” con prospettive stabili per S&P e Fitch. Per questo, trattasi di un titolo “junk” o “non investment grade”, più brutalmente definibile anche come “spazzatura”. Il rischio teorico di default sarebbe medio-alto, ma si consideri che la società telefonica è tornata da qualche anno ad essere partecipata dallo stato tramite la CDP e appare obiettivamente complicato pensare che, nel caso di difficoltà, Telecom verrebbe lasciata fallire, cosa che invierebbe ai mercati un messaggio sbagliato anche riguardo alla sostenibilità del debito sovrano tricolore.

Beppe Grillo ordina la nazionalizzazione di Telecom Italia, messaggio in codice per Berlusconi

[email protected] 

Argomenti: ,