Obbligazioni a tasso variabile: Sonnedix 2030

Sonnedix ha collocato bond a tasso variabile di durata 15 anni (IT0005220691). Negoziabili su Borsa Italiana per tagli da 100.000 euro

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Sonnedix ha collocato bond a tasso variabile di durata 15 anni (IT0005220691). Negoziabili su Borsa Italiana per tagli da 100.000 euro

Sonnedix s.p.a., azienda italiana attiva nel campo delle energie fotovoltaiche, ha collocato obbligazioni alla Borsa Italiana per 95 milioni di euro. Sono infatti in quotazione dl 1 dicembre sul circuito Extra Mot Pro le obbligazioni senior Sonnedix s.p.a. 2016-2030 a tasso variabile.

Sonnedix è una multinazionale olandese, controllata da Jp Morgan, che la scorsa primavera ha concluso l’acquisizione di 48 megawatt di impianti fotovoltaici in Italia dando vita a Sonnedix s.p.a. L’azienda ha acquisito gli impianti a DGE, una filiale del gruppo giapponese Mitsubishi. Il portfolio di impianti in Italia è costituito da 22 installazioni fotovoltaiche localizzate in diverse regioni italiane. Compresi questi nuovi impianti, la potenza fotovoltaica operativa detenuta da Sonnedix in Italia ha raggiunto 68 megawatt.

Obbligazioni Sonnedix tasso variabile 2030

Le obbligazioni Sonnedix  (ISIN IT0005220691) hanno scadenza febbraio 2030, prevedono un’opzione call  e pagano una cedola variabile pari al tasso euribor a 6 mesi più 230 punti base. Il bond è negoziabile sul circuito Extra Mot Pro per importi minimi di 100.000 euro con multipli aggiuntivi analoghi. Il Documento di ammissione spiega che i proventi derivanti dall’emissione dei titoli serviranno per permettere alle 18 società veicolo controllate da Sonnedix Italia, alle quali fanno capo 26 impianti fotovoltaici dislocati in 8 regioni italiane, di rimborsare i propri debiti verso terze parti. Fondata nel 2010, Sonnedix Italia  è dotata di un portafoglio di impianti solari per un totale di circa 66MW (circa 94 GWh/anno di produzione).  Tutti gli impianti sono operativi e connessi alla rete elettrica dal 2011. Sonnedix Italia ha chiuso il 2015 con 32,3 milioni di euro di ricavi, un ebitda 23 milioni e un debito finanziario netto di 208,3 milioni.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Minibond, Nuove emissioni, collocamenti

I commenti sono chiusi.