Obbligazioni subordinate Banca Marche: domande rimborso entro fine anno

Le domande di rimborso per le obbligazioni subordinate Banca Marche, Popolare Etruria, Carichieti e Carife vanno presentate entro il 3 gennaio 2017

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le domande di rimborso per le obbligazioni subordinate Banca Marche, Popolare Etruria, Carichieti e Carife vanno presentate entro il 3 gennaio 2017

Per i risarcimenti delle obbligazioni subordinate di Banca Marche, Popolare Etruria, Carife e Carichieti, c’è ancora poco tempo per presentare richiesta. Scade infatti il prossimo 3 gennaio 2017 il termine per presentare la domanda di rimborso forfettario al Fondo di Solidarietà.

Federconsumatori, Adiconsum e altre associazioni a difesa dei risparmiatori hanno già iniziato ad assistere gli obbligazionisti nell’inoltro delle pratiche volte ad ottenere dal Fondo il rimborso parziale (pari all’80%) del capitale investito in obbligazioni subordinate delle banche “risolte”: Banca Etruria, Banca Marche, Carife, Carichieti. E’ bene precisare che l’istanza può essere presentata solo per obbligazioni subordinate acquistate prima del 12 giugno 2014 direttamente da una delle banche coinvolte, da un investitore il cui reddito nel 2014 non fosse superiore ai 35.000,00 euro oppure, alla data del 31.12.2015, avesse un patrimonio mobiliare inferiore ai 100.000,00 euro. Le associazioni continuano, comunque, a seguire con estrema attenzione anche le posizioni di chi, non rientrando nell’ipotesi di rimborso forfettario, dovrà rivolgersi all’Arbitrato, con procedure sulle quali, purtroppo, mancano ancora tutte le informazioni indispensabili a poter prevedere dati certi e tempi stabiliti.

I requisiti essenziali per poter chiedere il rimborso

Reddito complessivo dell’investitore dell’anno 2014  inferiore ad €  35.000,00;

patrimonio mobiliare dell’investitore al 31/12/2015   inferiore ad € 100.000,00.

(i due requisiti sono alternativi: è sufficiente che l’investitore rientri in una delle 2 casistiche)

L’acquisto delle obbligazioni subordinate deve essere avvenuto entro il 12 giugno 2014;

Gli strumenti finanziari dovevano essere detenuti  alla data del 22 novembre 2015;

L’acquisto deve essere avvenuto nell’ambito di un rapporto negoziale diretto dell’investitore con una delle Banche in liquidazione: sono quindi esclusi dalla procedura di rimborso forfettario gli acquisti delle obbligazioni subordinate effettuati presso altre banche e quelli in cui la Banca in liquidazione abbia svolto esclusivamente attività di intermediazione.

Documentazione necessaria

a) dichiarazione dei redditi 2015 riferita ai redditi del 2014

b) documentazione in possesso relativa alle obbligazioni subordinate

c) modello Isee, in quanto contenente la DSU, utile per la verifica del patrimonio mobiliare nel caso in cui non si rientri nel requisito reddituale  inferiore a 35.000,00 euro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Banca delle Marche, Obbligazioni subordinate

I commenti sono chiusi.