Obbligazioni in pesos messicani: Goldman Sachs 6,25% 2020

L’obbligazione Goldman Sachs in pesos (XS1505106192) offre cedole a tasso fisso del 6,25%. Caratteristiche e dettagli

di , pubblicato il
L’obbligazione Goldman Sachs in pesos (XS1505106192) offre cedole a tasso fisso del 6,25%. Caratteristiche e dettagli

Goldman Sachs emette nuove obbligazioni in pesos messicani e sbarca  sul mercato telematico (MOT) di Borsa Italiana. Si tratta di titoli obbligazionari bancari senior unsecured a tasso fisso in valuta messicana (MXN) che offrono agli investitori flussi cedolari annuali a tasso fisso per tre anni con rimborso finale nel 2020.

 

Obbligazioni in Pesos Goldman Sachs 6,25% 2020

 

Più nel dettaglio, sono in negoziazione da oggi sul circuito telematico obbligazionario italiano nuovi bond emessi da Goldman Sachs International con scadenza 2020 (codice ISIN XS1505106192) per 800 milioni di pesos messicani (MXN). I titoli sono stati collocati a marzo 2017 alla pari e fruttano interessi a tasso fisso pari al 6,25% all’anno fino al 2020. Il rimborso è previsto in unica soluzione il 17 marzo 2020, salvo possibilità di richiamo anticipato previsto dal regolamento. Più precisamente, si tratta di una obbligazione bancaria senior unsecured che prevede il pagamento di una cedola annuale in via posticipata il 17 marzo di ogni anno. Il bond è negoziabile sul segmento MOT di Borsa Italiana per importi minimi di 25.000 MXN e gode di rating A1 per Moddy’s e A+ per l’agenzia Standard & Poor’s e A per Fitch.

 

Andamento del Peso Messicano (MXN)

 

Il peso messicano resta una delle valute più volatili da un anno a questa parte, seconda solo alla lira turca. Negli ultimi 12 mesi il pesos si è deprezzato fino al 22% nei confronti della moneta unica, arrivando fino a quota 23,3 pesos per 1 euro, mentre da inizio 2017 ha recuperato quasi il 14%, poco sopra quota 20. Questo perché il peso messicano ha risentito molto della politica antagonista americana del nuovo presidente Donald Trump, ma anche dell’andamento dell’economia del paese, strettamente legata al prezzo del petrolio di cui il Messico è grande esportatore.

Il crollo delle quotazioni del greggio ha infatti indebolito le entrate statali in valuta pregiata mettendo sotto pressione la crescita economica e il bilancio dello stato (rating BBB+ per Standard & Poor’s e Fitch). Il peso messicano, pur non essendo una valuta estremamente volatile al pari di quelle di altre economie emergenti, si è quindi indebolito molto negli ultimi anni.

Argomenti: , ,