Obbligazioni: opportunità nella Parte Breve della Curva

Secondo gli analisti, l'attuale trend di mercato offre opportunità nel tratto breve della curva e sui titoli legati all'inflazione

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Secondo gli analisti, l'attuale trend di mercato offre opportunità nel tratto breve della curva e sui titoli legati all'inflazione

Nell’attuale fase di assestamento che sta vivendo il mercato obbligazionario europeo i titoli governativi legati all’inflazione continuano ad offrire interessanti opportunità di relative value.

Le aspettative d’inflazione nell’area euro continuano ad essere ben ancorate all’obiettivo della BCE ed hanno ripreso un leggero trend in salita da inizio anno – fanno notare gli analisti di Marzotto Sim -. Ciò è abbastanza in linea con le aspettative della BCE (come indicato anche dalla minuta del meeting di giugno), la quale sta proseguendo con una graduale normalizzazione della politica monetaria. In Italia, invece, nell’ultimo mese si nota un repentino aumento delle aspettative d’inflazione a breve – probabilmente dovuto ai buoni dati sul mercato del lavoro (disoccupazione al 10.7% vs 11.1% atteso) – che ha favorito particolarmente i linkers italiani a scadenza breve.

Nonostante ciò, i titoli inflation-linked italiani a breve scadenza offrono ancora delle valutazioni molto interessanti e prezzano un’inflazione di break-even al di sotto del livello implicito nei contratti swap di pari scadenza – proseguono gli esperti di Marzotto Sim -. Ad esempio il BTP Italia con scadenza aprile 2020 offre un rendimento atteso dell’1.25%, circa 70Bps superiore al titolo a tasso fisso con scadenza equivalente. Inoltre, tra i BTP legati all’inflazione europea si notano i BTP€.i. con scadenza maggio 2022 e 2023 i quali hanno un rendimento atteso di circa 55Bps superiore al tasso fisso equivalente, rispettivamente del 1.84% e 2.11%. Per diversificare invece l’esposizione al rischio Italia si possono invece prendere in considerazione il linker tedesco con scadenza aprile 2020 e quello spagnolo con scadenza  novembre 2023, i quali hanno rispettivamente un rendimento ad inflazione attesa dello 0.20% e 0.62%, 84Bps e 21Bps maggiore dei titoli a tasso fisso equivalenti.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp