Obbligazioni Interxion 6% 2020 per investire nei data center

La company cloud olandese è uno dei gioielli europei nel campo dell’informatica e il bond offre un buon rendimento a scadenza. Crescita costante e forte sviluppo in Germania ne fanno i punti di forza

di , pubblicato il
La company cloud olandese è uno dei gioielli europei nel campo dell’informatica e il bond offre un buon rendimento a scadenza. Crescita costante e forte sviluppo in Germania ne fanno i punti di forza

Poco conosciuta presso gli investitori retail, Interxion è uno dei più grandi operatori di data center del mondo. Fondato nel 1998 in Olanda, il provider europeo ha raggiunto dimensioni ragguardevoli grazie allo sviluppo delle infrastrutture tecnologiche e alla necessità sempre più impellente da parte delle aziende di salvaguardare i propri dati informatici. La sua performance si evidenzia nei numeri: 34 data centers in 13 città di 11 paesi al mondo. In Europa offre servizi che interessano il 75% del prodotto realizzato dalle principali società, banche e pubblica amministrazione compresi, grazie al supporto di oltre 450 providers connessi con Interxion. Da quando è stata collocata in borsa a New York nel 2011, Interxion ha realizzato una performance positiva del 46% con le azioni che sono passate da 14 a 26 dollari.

 

Obbligazioni Interxion Holding 6% 2020 

Ma ad attirare l’attenzione degli investitori verso la cloud company europea sono anche le sue obbligazioni ad alto rendimento in euro. Recentemente la società ha emesso un nuovo titolo senior secured da 325 milioni con scadenza 2020 destinato a investitori istituzionali. Il bond Interxion Holding N.V. (Isin XS0946728564) quotato alla borsa del Lussemburgo è negoziabile per tagli minimi da 100.000 euro con multipli aggiuntivi da 1.000, paga una cedola su base semestrale del 6% lordo, il 15 Luglio e il 15 Gennaio, ed è soggetta a call da parte dell’emittente a partire dal 2016. Il collocamento è andato letteralmente a ruba – osservano alcuni traders – al punto che Interxion ha alzato l’asticelle dell’offerta da 300 a 325 milioni dopo aver aperto i book per la vendita. L’operazione di vendita si è chiusa il 3 Luglio scorso con richieste che sono giunte soprattutto dai fondi d’investimento di Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania e anche Giappone. Il ricavato del collocamento è stato utilizzato per rimborsare anticipatamente l’altro bond high yield in euro da 200 milioni con scadenza 2017 e cedola 9,50% (XS0487557125).

La società ha infatti rimborsato al prezzo di 110 quasi tutto il bond (98%) corrispondendo altresì gli interessi maturati e spendendo circa 230 milioni di euro. L’operazione – spiega Jerome Duval di Societé Genralé, una delle banche che ha curato la tender offer – ha permesso Interxion di allungare le scadenze debitorie abbassando altresì i costi di finanziamento in un momento in cui i conti del gruppo vanno abbastanza bene. Nonostante il rating attribuito dall’agenzia Standard & Poor’s (B+) riteniamo che la società possa crescere ulteriormente nei prossimi anni soprattutto verso i mercati dell’Est Europa e la Germania. Il prezzo del titolo è al momento intorno a 99.

 

Interxion scommette soprattutto sulla Germania 

[fumettoforumleft]Interxion punta da sempre su una offerta di alta qualità, quella che secondo l’azienda sta ricevendo le maggiori richieste in Europa e sulla quale ovviamente la Germania punta come uno dei paesi maggiormente sviluppati sul fronte della connettività nel vecchio continente. Non bisogna dimenticare – spiega Duval – che una delle ragioni del successo di compagnie come Interxion è la disponibilità di grandi data center, tecnologicamente aggiornati, e in grado di garantire l’accesso diretto ad un gran numero di carriers (oltre 150 in totale per Interxion), oltre alla presenza di decine di piccole e medie aziende all’interno, che a loro volta alimentano il mercato dei server dedicati e della colocation. Nel 2012 Interxion ha realizzato ricavi per 277 milioni di euro (+14%), il doppio rispetto a cinque anni fa, con un un Ebitda di 115 milioni e un utile netto di 31 milioni.

Argomenti: , ,