Obbligazioni IMI Fabi per investire nel talco

Cedola fissa del 6,30% e rimborso ammortizzato fino al 2020 (IT0005025579) per il piccolo bond dell’azienda mineraria valtellinese

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Cedola fissa del 6,30% e rimborso ammortizzato fino al 2020 (IT0005025579) per il piccolo bond dell’azienda mineraria valtellinese

Fra i vari mini bond collocati di recente, quello di IMI Fabi sta suscitando parecchio interesse. Quotato dallo scorso 3 giugno sul segmento ExtraMot Pro gestito da Borsa Italiana, l’obbligazione IMI Fabi da 7 milioni di euro è stata collocata con successo presso investitori qualificati. A sottoscrivere il prestito è stato in particolare Anthilia Bond Impresa Territorio, fondo d’investimento appositamente creato da Anthilia Capital Partners SGR per le Pmi italiane e che investe in mini bond. Giovanni Landi, Senior Partner di Anthilia Capital Partners ha così commentato: “siamo orgogliosi di finanziare attraverso il nostro fondo “Anthilia Bond Impresa Territorio” IMI Fabi S.p.A., una realtà imprenditoriale che ha un profondo legame con il territorio valtellinese e contemporaneamente un eccellente sviluppo a livello internazionale. L’emissione aiuterà il Gruppo IMI Fabi ad accrescere la propria capacità produttiva sui mercati internazionali e in generale il proprio business perseguendo interessanti obiettivi di sviluppo in una logica industriale, commerciale e organizzativa”.   Obbligazioni IMI Fabi tasso fisso 6,30% giugno 2020   [fumettoforumright]Il prestito obbligazionario IMI FABI 6,30% 2020, emesso ai sensi della legge 134/2012 (“mini-bond”) dall’azienda IMI Fabi , fra le più importanti società al mondo nell’estrazione, nella produzione e nella commercializzazione di minerali di talco, ha una capienza di 7 milioni di euro. Il mini bond senior (Isin IT0005025579), ha una durata di 6 anni, un rendimento del 6,3% ed è previsto il rimborso rateale in coincidenza con lo stacco della cedola. Gli interessi verranno corrisposti su base semestrale il 3 giugno e il 3 dicembre di ogni anno fino al 3 giugno 2019, data di estinzione dell’obbligazione. Emesso a 100, il bond (che non gode di alcun rating) viene scambiato intorno alla pari con pochi volumi, anche perché il taglio minimo negoziabile è di 100.000 euro. Come previsto negli accordi del fondo Anthilia BIT, l’emissione è stata sottoscritta anche dalle due banche arranger dell’operazione, ovvero Banca Popolare di Sondrio e Credito Valtellinese essendo IMI Fabi S.p.A. un’azienda storicamente legata alla Valtellina, con sede a Milano ed in costante espansione.   IMI Fabi , ricavi in costante crescita: più di 100 milioni nel 2013   IMI FABI , nata negli anni ’50, ha chiuso il 2013 con un fatturato di poco superiore ai 100 milioni di euro. Negli ultimi sette anni la società ha registrato un tasso di crescita del fatturato di circa il 10%, passando da poco più di 50 milioni di euro del 2006 agli oltre 100 milioni di oggi. La capacità del gruppo si attesta sulle 350.000 tonnellate all’anno di talco ed è presente con siti operativi in Italia, Stati Uniti, Australia, Cina e Pakistan. Il “core business” di IMI Fabi è rappresentato dal settore delle materie plastiche, seguito da quello delle pitture e vernici, della carta, dell’alimentazione animale e della cosmesi. I mercati di riferimento sono in Europa, America ed Asia. Grazie ad una serie di acquisizioni strategiche iniziate alla fine degli anni ’80, IMI FABI si è via affermata nel settore minerario italiano per poi iniziare negli anni ’90 un progetto di internazionalizzazione in virtù del quale ha raggiunto l’attuale posizione a livello mondiale.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni High Yield, Obbligazioni societarie, Ratings

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.