Obbligazioni high yield: Gamenet 6% 2021 ai raggi X

L’obbligazione senior Gamenet (XS1458462428) offre ritorni interessanti in un settore che non conosce crisi

di Mirco Galbusera, pubblicato il
L’obbligazione senior Gamenet (XS1458462428) offre ritorni interessanti in un settore che non conosce crisi

Gamenet vince un’altra scommessa. La società di scommesse sportive e giochi online ha infatti rifinanziato con successo e con due anni di anticipo il bond high yield da 200 milioni che era stato emesso nel lontano 2013. Gamenet ha infatti collocato pochi giorni fa presso investitori istituzionali una obbligazione da 200 milioni di euro con cedola fissa al 6% pagabile su base semestrale e contestualmente ha dato corso al rimborso anticipato di quella precedentemente emessa con cedola al 7,25% con scadenza 2018. Il bond che sarà presto quotato presso la borsa del Lussemburgo (codice ISIN XS1458462428) è senior unsecured, è callable a partire dal secondo anno e offre un coupon annuale del 6% con data di stacco 15 agosto. L’obbligazione è stata collocata alla pari da un pool di banche internazionali guidate da Banca IMI, Credit Suisse, Jefferies, UBS, UniCredit ed è negoziabile per importi minimi di 100.000 euro nominali. I proventi – si apprende da un comunicato – verranno interamente impiegati per rimborsare anticipatamente il bond Gamenet s.p.a. 7,25% 2018 (codice ISIN XS1458462428) al prezzo di 101,8125 il prossimo 1 agosto 2016. Il rating del bond Gamenet è “speculative grade”: B1 per Moody’s e B per Standard & Poor’s. Il giudizio – secondo gli analisti – resta sostanzialmente critico a causa della eccessiva concentrazione del business di Gamenet in una sola area geografica, l’Italia, mercato sostanzialmente maturo e saturo ed esposto alle debolezze macroeconomiche generali.

Gamenet, realtà fra le più competitive del settore

Gamenet è una Gaming Company nata nel 2006 e uno dei maggiori concessionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il gioco pubblico. Gamenet rappresenta oggi una realtà tra le più complete del settore, grazie a una gamma di prodotti che abbraccia tutta l’offerta di gioco – slot machine (AWP), videolotterie (VLT), scommesse sportive, ippiche e virtuali, giochi on line – e di servizi a supporto dei propri clienti e partner commerciali. Gamenet è inoltre attiva nel segmento retail, con una rete nazionale di punti vendita di proprietà. Grazie all’acquisizione delle concessioni sportive e ippiche, sia terrestri, sia a distanza, Gamenet è attiva anche nel settore delle scommesse sportive e dei giochi on line. Tra i prodotti offerti negli oltre 180 negozi e corner presenti in tutta Italia figurano le scommesse a quota fissa sul calcio, sull’automobilismo, ippica e su tutti gli eventi sportivi nazionali e internazionali previsti dal palinsesto.

Gamenet: ricavi in crescita del 5,1% nel 2015

Dal punto di vista finanziario, Gamenet si conferma tra i principali operatori del gaming in Italia, con una raccolta complessiva del 2015 pari a circa 5,5 miliardi di euro (in aumento del 5,1 percento rispetto all’esercizio precedente) a cui hanno contribuito tutte le linee di business, in particolare Betting & Online, Retail e Street Operations I ricavi del 2015 si attestano a 532,9 milioni di euro, registrando una modesta contrazione del 2,3 percento per effetto della Lds, mentre l’ebitda è pari a 63,6 milioni di euro, sostanzialmente in linea con quello dell’esercizio precedente (-0,8 milioni di euro). Al netto della Lds, i ricavi 2015 sono cresciuti del 6,4 percento rispetto all’anno precedente e l’ebitda del 7,2 percento (del 13,1 percento al netto anche delle partite straordinarie). Positivo anche il trend della generazione di cassa, che dai 25,2 milioni di euro del 2014 passa a 27,3 milioni nel 2015 (+8,3 percento), nonostante l’impatto della Lds e degli investimenti per le acquisizioni. Di conseguenza il debito netto passa dai 177,7 milioni di euro del 2014 a 150,3 milioni, con un rapporto di indebitamento che diminuisce da 2.76x a 2.36x.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni High Yield, Ratings

I commenti sono chiusi.