Obbligazioni high yield con cedola mensile: Grandi Navi Veloci

Il bond Grandi Navi Veloci (XS1418862154) paga una cedola del 12,50% per 6 anni. Caratteristiche e dettagli

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il bond Grandi Navi Veloci (XS1418862154) paga una cedola del 12,50% per 6 anni. Caratteristiche e dettagli

Fra i corporate bond di recente emissione più remunerativi, quello emesso da Grandi Navi Veloci merita sicuramente un approfondimento. La compagnia di navigazione italiana di proprietà del armatore Gianluigi Aponte ha da poco collocato sul mercato una piccola obbligazione da 75 milioni di euro riservandone la sottoscrizione a investitori istituzionali. Il bond Grandi Navi Veloci (codice ISIN XS1418862154) è stato venduto alla pari da Mediobanca e Unicredit, arrangers del collocamento, alla pari offrendo un rendimento del 12,50% a scadenza. L’obbligazione senior unsecured paga un coupon del 12,50% all’anno su base mensile, cioè 1,041% al mese ed è questa la caratteristica peculiare e interessante del prestito. La data di stacco è prevista per il giorno 30 di ogni mese e il rimborso avverrà in unica soluzione a scadenza il 31 maggio 2022. Il bond è privo di rating ed è negoziabile per importi di 100.000 euro con multipli aggiuntivi di 1.000 sulla borsa del Lussemburgo. L’operazione è stata strutturata a distanza di pochi mesi dal rifinanziamento di circa 300 milioni di euro di debito bancario detenuto da banche italiane, fra cui appunto Unicredit e Mediobanca

 

Obbligazioni Grandi Navi Veloci 12,50% 2022

 

Nata nel 1992, la compagnia Grandi Navi Veloci (Gnv) dispone di 10 navi di proprietà e opera collegamenti marittimi in Sardegna, Sicilia, Spagna, Tunisia, Marocco e Francia. Oltre ai servizi mirati per la parte passeggeri, la flotta di Grandi Navi Veloci si è impegnata nello sviluppo delle linee delle Autostrade del Mare. Gnv è la quinta compagnia di traghetti al mondo per numero di letti disponibili, la nona per capacità di trasporto in metri lineari e la decima per tonnellaggio della flotta. Il giro d’affari di Gnv è legato principalmente al flusso turistico e alla stagionalità. Stando agli ultimi dati disponibili, la compagnia di navigazione ha chiuso l’esercizio 2014 con un fatturato a 311 milioni di euro e un margine operativo lordo sostanzialmente stabile a 42 milioni rispetto ai 44,1 milioni del 2013, per un’incidenza sul fatturato del 13,5%. Migliorato inoltre il risultato netto d’esercizio, che vede la perdita ridursi da 18 milioni nel 2013 a 3,6 milioni nel 2014, nonché la posizione finanziaria netta, che passa da 317,5 milioni a 309,8 milioni. Fatturato in crescita anche nei primi 9 mesi del 2015 (+11%) grazie soprattutto all’aumento dei flussi turistici nel mese di agosto. Secondo gli analisti, GNV dovrebbe tornare all’utile quest’anno, dopo un lungo processo di ristrutturazione del debito e di rafforzamento del capitale che ha visto altri soci subentrare nella compagine azionaria (Idea Opportunity Funds, Charme Investments e Investitori Associati) dopo il delisting del titolo in borsa dieci anni fa.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni High Yield, Ratings

I commenti sono chiusi.