Obbligazioni Frendy Bond Up 2018, un’occasione per entrare sulle azioni

La piccola emissione di Frendy Energy è uno zero coupon con possibilità di conversione in titoli azionario. Una valida opportunità per scommettere sul rialzo del titolo in borsa

di , pubblicato il
La piccola emissione di Frendy Energy è uno zero coupon con possibilità di conversione in titoli azionario. Una valida opportunità per scommettere sul rialzo del titolo in borsa

Il bond di Frendy Energy, società quotata all’Aim della borsa italiana, ha riscosso un notevole interesse da parte degli investitori con il lancio di una piccola emissione da meno di 5 milioni di euro. Non è il classico collocamento da richiamare l’attenzione dei media e degli investitori, ma uno di quei minibond aziendali che spesso passano inosservati, ma che potrebbero rivelarsi dei buoni investimenti. I minibond del resto sono una novità abbastanza recente, incentivati dal Decreto Sviluppo del 2012 che punta a dare alla piccola-media impresa italiana un canale di finanziamento alternativo a quello bancario, con un sostanziale allineamento del regime fiscale delle obbligazioni emesse da società non quotate a quello più favorevole delle società quotate. Come per Frendy Energy, società specializzata nella produzione di energia a bassissima capitalizzazione (18 milioni di euro all’esordio), sbarcata sul segmento Aim di Piazza Affari solo 18 mesi fa.

 

Obbligazioni zero coupon convertibili Frendy Energy 2018 in dettaglio

 

home01

Nel dettaglio, l’azienda ha emesso 1.950 obbligazioni convertibili per un ammontare complessivo pari a 4.875.000 milioni di euro. L’emissione del prestito – si legge in una nota – è finalizzata al reperimento di nuove risorse finanziarie nell’ambito della strategia di investimento e di sviluppo della società. L’obbligazione convertibile non prevede il pagamento di cedole durante la vita delle obbligazioni (obbligazioni zero coupon). In base al prezzo di emissione, pari all’80% del valore nominale, il tasso di interesse implicito lordo calcolato in regime di capitalizzazione semplice è pari al 4,80% e il tasso di interesse implicito lordo annuo calcolato in regime di capitalizzazione composta è pari al 4,38%. I criteri di determinazione della conversione sono principalmente parametrati al valore di quotazione delle azioni.

Il regolamento prevede determinate ipotesi di rettifica del rapporto di Rapporto di Conversione in caso di esecuzione di operazioni sul capitale nonché un’opzione di rimborso anticipato dell’emittente. Le obbligazioni saranno quotate sull’AIM di Borsa Italiana S.p.A. (Isin IT0004966344) per tagli minimi di una obbligazione del valore nominale di 2.500 euro corrispondente, ai valore attuali, a circa 2.000 euro. La data di rimborso è il 31 dicembre 2018, ma dal 2015 sarà possibile convertire in tutto o in parte i bond in azioni secondo la formula di cui al regolamento allegato. Inoltre, per gli obbligazionisti che decidessero di convertire il capitale in quote societarie e queste non vengono vendute prima della scadenza del prestito, è prevista l’assegnazione di un bonus nella misura di 1 nuova azione ogni 4 possedute.

 

Frendy Energy, utili in forte crescita nel 2013 e capitalizzazione triplicata

 

Chart

La società, nata nel 2006, è stata fondata da Rinaldo Denti per sviluppare il business del mini-idroelettrico in Italia e si è focalizzata esclusivamente nel settore del mini hydro studiando e sviluppando una tecnologia proprietaria per la produzione di energia elettrica dai piccoli salti d’acqua, capaci di generare potenze comprese fra 100KW e 500KW. Frendy Energy, in particolare, progetta, sviluppa, realizza e gestisce centrali idroelettriche di piccole dimensioni. La catena del valore vede coinvolti in qualità di fornitori/azionisti/clienti alcune tra le maggiori aziende Italiane del settore, secondo un approccio industriale/finanziario fortemente innovativo. L’attività ha attualmente come centro principale di sviluppo il territorio del nord Italia, dal Piemonte alla Lombardia, con specifico focus sulla provincia di Novara e Pavia data l’alta concentrazione di canali irrigui regimati e salti su corsi d’acqua di medie e piccole dimensioni non ancora sfruttati. [fumettoforumright]A livello di conti, Frendy Energy ha chiuso il primo semestre del 2013 con ricavi per 569mila euro, in aumento del 40% rispetto agli oltre 406mila euro ottenuti nella prima metà dello scorso esercizio. La società ha terminato i primi sei mesi dell’anno con un utile netto di oltre 73mila euro, risultato che si confronta con i 66mila euro del primo semestre del 2012.

A fine giugno la posizione finanziaria netta era positiva per 4,16 milioni di euro. Da quando è stata quotata alla borsa valori di Milano, Frendy Energy ha raddoppiato il suo valore raggiungendo una capitalizzazione di 57 milioni di euro.

Frendy Energy Bond up Regolamento

Argomenti: , ,