Obbligazioni in dollari: nuovi bond Verizon per tagli da 2.000 Usd

Verizon Communications ha emesso nuove obbligazioni senior per 6,15 miliardi Usd a varie scadenze. Tutti i dettagli

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Verizon Communications ha emesso nuove obbligazioni senior per 6,15 miliardi Usd a varie scadenze. Tutti i dettagli

Verizon Communications, dopo l’acquisizione di Yahoo dal valore di 4,83 miliardi di dollari, vuole raggiungere Facebook e Google. Verizon ha così siglato un accordo per acquisire Fleetmatics Group per circa 2,4 miliardi di dollari, con l’obiettivo di consolidare la propria diversificazione. La transazione permetterà alla società di diventare un importante player nell’industria dei media digitali, creando un valore di 180 miliardi di dollari entro il 2020. I creatori dei contenuti creativi sono ansiosi di trovare un’alternativa a Facebook e Google, nel quadro dell’espansione del mercato dei media digitali. Quest’anno Google ha ottenuto il 31% dei ricavi dal comparto digital, mentre per Facebook si attestavano al 12%. Quelli di Yahoo e Aol, insieme, ammontavano al 2,2%. Investire nei dati per la telefonia mobile darà la possibilità a Verizon di trarre ricavi da un’attività non così capital-intensive, ha aggiunto McAdam, in un momento in cui le attività core sono in calo. La società ha avuto 3,9 miliardi di spese in conto capitale per il suo network durante il secondo trimestre.

Obbligazioni Verizon Communications, caratteristiche

Le acquisizioni di Verizon sono state finanziate attraverso l’emissione di 6,15 miliardi di dollari di obbligazioni senior a varie scadenze. I rendimenti offerti variano dal 1,38% per la tranche a tre anni al 4,2% per quella a trent’anni. Le obbligazioni sono state quotate sui mercati regolamentati americani e sulla borsa del Lussemburgo, negoziabili per importi minimi di 2.000 dollari con multipli aggiuntivi di 1.000. I bond staccano la cedola su base semestrale, il 15 febbraio e il 15 agosto di ogni anno con rimborso previsto in unica soluzione alla pari alla data di scadenza, salvo possibilità di richiamo anticipato (call redemption). Il rating di Verizon è BBB+ per Standard & Poor’s e Baa1 per Moody’s. In realtà, vista anche la liquidità di cui dispone la società, più che per finanziare la recente acquisizione, Verizon ha deciso di andare sul mercato per approfittare di tassi mai così bassi sul debito Usa. Di seguito, il dettaglio dei bond recentemente collocati:

Verizon Communications 1,375% 2019 US92343VDF8

Verizon Communications 1,75% 2021 US92343VDG6

Verizon Communications 2,625% 2026 US92343VDD3

Verizon Communications 4,125% 2046 US92343VDC5

 

Verizon, in calo ricavi e utili nel primo semestre 2016

Verizon ha chiuso il secondo trimestre con ricavi in calo e una continua debolezza delle attività di telefoni mobile anche per effetto delle conseguenze dello sciopero dei lavoratori dei mesi scorsi. La società statunitense, ha riscontrato nei tre mesi al 30 giugno un aumento della base abbonati di 615 mila unità, il 46% in meno rispetto a un anno fa, e un calo dei ricavi del 5,3% a 30,53 miliardi, al di sotto dei 30,94 miliardi attesi dagli analisti. L’utile netto e’ sceso dai 4,23 miliardi del secondo trimestre del 2015 a 702 milioni per un Eps in contrazione da 1,04 dollari a 17 centesimi di dollaro. Gli utili sono stati penalizzati per 7 centesimi dallo sciopero di sette settimane tra i lavoratori della rete di vendita.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Bond in dollari USA, Ratings

I commenti sono chiusi.