Obbligazioni: come compensare le plusvalenze in scadenza

Bond Deutsche Telekom in euro con cedola 6% (DE000A0T5X07) a un anno dalla scadenza. In negoziazione su ExtraMOT per tagli da 1.000

di , pubblicato il
Bond Deutsche Telekom in euro con cedola 6% (DE000A0T5X07) a un anno dalla scadenza. In negoziazione su ExtraMOT per tagli da 1.000

E’ in negoziazione dal 5 novembre sul segmento ExraMOT di Borsa Italiana un bond a otto anni di Deutsche Telekom. Si tratta per la precisione di Deutsche Telekom International Finance 6% 2017, emesso dalla nota compagnia telefonica tedesca. L’obbligazione senior (DE000A0T5X07) era stata collocata nel lontano gennaio 2009 per un importo nominale di 2 miliardi di euro e poi quotata alla borsa del Lussemburgo e trattabile sul mercato EuroTLX. Da oggi, però, è possibile negoziarla anche sul mercato obbligazionario telematico italiano ExtraMOT per importi minimi di 1.000 euro. Più nel dettaglio, il bond Deutsce Telekom offre una cedola fissa del 6% annuo e va a rimborso il 20 gennaio 2017. Collocato al prezzo di  99,81, il titolo è sempre rimasto abbondantemente sopra la pari e tratta intorno a 107 per un rendimento a scadenza di poco superiore al 0,20%. Al di là del esiguo rendimento offerto a 13 mesi dal rimborso, il bond è ideale per poter generare minusvalenze per circa il 7% del valore nominale da qui alla sua scadenza essendo il rimborso del titolo previsto a 100, beneficiando al contempo di un tasso d’interesse superiore alla media di mercato. Questo va bene soprattutto per chi, in regime fiscale amministrato, ha o prevede di contabilizzare delle plusvalenze entro il 2017. L’obbligazione gode di rating investment grade BBB+ per Standard & poor’s e Baa1 per Moody’s.   Deutsche Telekom, utili e ricavi in crescita nel terzo trimestre   Deutsche Telekom ha registrato nel terzo trimestre una crescita di ricavi e utili grazie soprattutto alla controllata T-Mobile Usa, ma i profitti si sono rivelati inferiori alle attese. L’utile netto e’ infatti salito del 60% a 809 milioni di euro, ma ha deluso le attese di 972 milioni degli analisti.

I ricavi sono inoltre migliorati del 9,3% a 17,1 miliardi in scia al recente apprezzamento del dollaro rispetto all’euro. Il gruppo tedesco ha quindi confermato le guidance su Ebitda 2015 di circa 18,3 miliardi.

Argomenti: , , ,