Mittel lancia un’offerta di scambio ai soci

La storica finanziaria milanese riduce il capitale ma incrementa il debito proponendo agli azionisti di scambiare parte delle azioni con obbligazioni al 6% di nuova emissione. Una manovra per tenere a galla il titolo

di Mirco Galbusera, pubblicato il
La storica finanziaria milanese riduce il capitale ma incrementa il debito proponendo agli azionisti di scambiare parte delle azioni con obbligazioni al 6% di nuova emissione. Una manovra per tenere a galla il titolo

Mittel, una delle più antiche società quotate alla Borsa di Milano (nacque nel 1885 come Società per le Strade Ferrate nel Mediterraneo), ha lanciato un’offerta parziale di scambio sul proprio capitale azionario. Alla notizia, il titolo in borsa si è improvvisamente risvegliato dal letargo in cui era finito da molto tempo facendo segnare un progresso di oltre il 15%, a circa 1,60 euro per azione, con scambi vorticosi. Con un comunicato diffuso il 19 marzo, il Cda di Mittel ha infatti approvato la promozione di un’offerta pubblica di scambio volontaria parziale sulle proprie azioni ordinarie (Opsc) con corrispettivo in obbligazioni e la promozione di una contestuale offerta pubblica in sottoscrizione di un prestito obbligazionario (Opso) con le medesime caratteristiche delle obbligazioni a servizio dell’Opsc.

 

Nuove obbligazioni Mittel, le caratteristiche dell’offerta

 

L’importo complessivo dell’emissione obbligazionaria a servizio delle due operazioni – specifica una nota – sarà pari a circa 50 milioni di euro, incrementabile sino a circa 100 milioni. L’Opsc, spiega il comunicato, avrà ad oggetto massime 17.059.155 azioni ordinarie Mittel, pari al 19,4% circa del capitale sociale e per ogni azione ordinaria portata in adesione e acquistata, verrà corrisposto in scambio un titolo obbligazionario emesso da Mittel del valore nominale unitario di 1,75 euro per un controvalore nominale complessivo massimo di circa 29,9 milioni di euro. L’Opso avrà per oggetto un prestito obbligazionario offerto in sottoscrizione al pubblico indistinto in Italia e ad investitori qualificati in Italia e istituzionali all’estero, di ammontare pari a circa 20 milioni, incrementabile sino a 70 milioni di euro. L’emissione obbligazionaria, infine, avrà durata 6 anni dalla data di emissione, maturerà interessi su base annua almeno pari al 6% ed è destinata alla quotazione sul Mot. A partire dal quarto anno dalla data di emissione Mittel avrà la facoltà di rimborsare anticipatamente fino al 50% del controvalore del prestito obbligazionario emesso. Il tutto dovrà essere approvato dall’assemblea dei soci il prossimo mese di aprile prevedendo che l’operazione si perfezionerà nel mese di settembre.

 

I bond Mittel sono garantiti da una solida struttura patrimoniale

 

Franco Dalla Sega

Scopo dell’operazione – dichiara il presidente di Mittel Franco Dalla Sega – è quello di incrementare la diversificazione delle fonti finanziarie utilizzando uno strumento di debito quotato e liquido. L’entità dell’indebitamento netto aggiuntivo, rappresentato sostanzialmente dalla componente di prestito obbligazionario a servizio dell’Opsc, non modifica l’obiettivo di riduzione dell’indebitamento finanziario netto nell’orizzonte triennale del piano strategico. In sostanza, l’indebitamento netto si incrementerà della componente di prestito obbligazionario a servizio dell’Opsc e quindi per un controvalore massimo di circa 29,9 milioni, e sarà sostenibile in considerazione della solida struttura patrimoniale di Mittel che al 30 settembre 2012 presentava un capitale investito netto di 414 milioni finanziato da patrimonio netto per 328 milioni e da indebitamento netto per 86 milioni.

 

Riduzione di capitale Mittel per sostenere le quotaizoni del titolo

L’operazione – secondo gli analisti – è finalizzata a sostenere le quotazioni per gli azionisti di riferimento che negli ultimi tre anni hanno visto le loro quotazioni precipitare di oltre il 60% e che prima o poi dovranno svalutare dai loro portafogli. Certamente gli azionisti che aderiranno all’offerta di scambio avranno l’opportunità di realizzare una parte del proprio investimento a valori superiori ai prezzi medi espressi dal mercato negli ultimi mesi, ma non bisogna dimenticare che l’incremento dell’indebitamento societario, in assenza di una ripresa economica, non farà che deprimere ulteriormente i corsi nel medio periodo. Inoltre, il prezzo di mercato delle obbligazioni– come anche rimarcato dall’emittente – potrà differire rispetto al prezzo di emissione, stante principalmente al fatto che Mittel è in difficoltà e non fa utili (perdita consolidata 2012 a 17,9 milioni).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni High Yield, Obbligazioni societarie