Minibond salumi Renzini sottoscritto per 2,5 milioni

L’obbligazione sarà presto quotata in borsa. I proventi saranno utilizzati per espandere il giro d’affari in Italia

di Mirco Galbusera, pubblicato il
L’obbligazione sarà presto quotata in borsa. I proventi saranno utilizzati per espandere il giro d’affari in Italia

Presto un altro minibond sbarcherà a Piazza Affari. Il Fondo Rilancio e Sviluppo, gestito da SICI Sgr S.p.A., e Gepafin S.p.A. hanno infatti annunciano l’investimento di 2,5 milioni di Euro in Renzini S.p.A., azienda umbra attiva dal 1977 nel settore dei salumi e degli insaccati tradizionali umbri e selvaggina. Renzini produce e commercializza a marchio proprio “Renzini Alta Norcineria” salumi di altra qualità ed altre specialità gastronomiche destinate a negozi e dettaglianti specializzati, all’alta ristorazione ed ai reparti di nicchia della GDO italiana ed estera. La Società impiega complessivamente 120 addetti nella sede centrale di Montecastelli (Perugia) e nei due prosciuttifici a Norcia e Abeto Preci. E’ proprietaria di un punto vendita diretto a Coldipozzo (PG) e partner di un importante operatore retail.  

Minibond Renzini per crescere nel segno della qualità

  Renzini rappresenta un’assoluta eccellenza nel settore alimentare italiano. Sotto la guida del Cav. Dante Renzini, a capo dell’azienda dal 1977, Renzini S.p.A. ha raggiunto e consolidato la propria presenza nel mercato italiano dei salumi e degli insaccati e sviluppa un volume di affari superiore a 28 milioni di Euro di cui il 17% generato dai mercati esteri, principalmente europei. L’ingresso del Fondo Rilancio e Sviluppo e di Gepafin è avvenuto tramite la sottoscrizione di un Prestito Obbligazionario sottoscritto rispettivamente per 1,8 milioni e 700 mila Euro che prevede, accanto ad una remunerazione periodica fissa, una finale variabile in funzione della compartecipazione ai futuri risultati espressi dall’azienda. Con i proventi del bond, Renzini punta a costruire una rete di 50 punti vendita, un terzo dei quali a gestione diretta e gli altri in franchising. L’obiettivo è passare nel 2020 a 44,6 milioni di fatturato dai 28,5 milioni del 2015, aumentando la redditività grazie al travaso di quote di vendita dai reparti di nicchia della grande distribuzione al canale diretto.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Minibond

I commenti sono chiusi.