Minibond Net Insurance 7% 2026, caratteristiche e rendimento

Net Insurance quota minibond per 5 milioni di euro (IT0005216475). Cedola annuale e taglio da 100.000 le caratteristiche principali

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Net Insurance quota minibond per 5 milioni di euro (IT0005216475). Cedola annuale e taglio da 100.000 le caratteristiche principali

Un altro piccolo prestito obbligazionario sbarca a Piazza Affari. Si tratta del minibond Net Insurance 7% 2026, collocato presso investitori istituzionali per 5 milioni di euro. L’obbligazione net Insurance ha durata 10 anni e una struttura subordinata rispetto ad altri debiti societari.

Net Insurance è la capogruppo del Gruppo Net Insurance, quotato sul segmento AIM di Borsa Italiana e operante nei rami danni e vita. Il Gruppo Net Insurance è specializzato nell’ offerta di prodotti assicurativi personalizzati, innovativi e di chiara visibilità di prestazione, nonché nello sviluppo di rapporti di partnership di reciproco vantaggio, con una particolare attenzione a elevati standard di servizio. Alla fine del 2015, Net Insurance aveva chiuso l’esercizio con una perdita di 12,2 milioni e una diminuzione dei premi lordi del 4,6% a92,3 milioni di euro.

Minibond Net Insurance 7% 2026 – IT0005216475

Il minibond Net Insurance 7% 2026 (codice ISIN IT0005216475) è negoziabile sul segmento ExtraMot Pro di Borsa Italiana per importi minimi di 100.000 euro. Il titolo è subordinato Tier 2 è stacca un coupon a tasso fisso del 7% su base annuale, con data di pagamento il 26 settembre. Il rimborso è previsto in unica soluzione con data di estinzione del prestito prevista per il 26 settembre 2026, salvo possibilità di richiamo anticipato a partire dal quinto anno dall’emissione. L’obbligazione – si legge in un comunicato – è ammissibile a copertura degli own fund, in conformità al D.lgs. n. 209/2005, come modificato a seguito del recepimento della Direttiva 2009/138/CE (Solvency II), e al Regolamento Delegato della Commissione (UE) 2015/35, ed è stato emesso al fine di migliorare il profilo di capitalizzazione della Compagnia rafforzandone il requisito patrimoniale di solvibilità. Il bond fa parte di una prima tranche di prestiti della stessa natura deliberati dal Cda lo scorso mese di luglio fino a un massimo di 15 milioni di euro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Minibond, Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni subordinate