Minibond Landi Renzo, la cedola è del 6,10%

Collocati 35 milioni di euro in obbligazioni quinquennali (IT0005107237). In negoziazione su ExtraMOT Pro per tagli da 100.000 euro

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Collocati 35 milioni di euro in obbligazioni quinquennali (IT0005107237). In negoziazione su ExtraMOT Pro per tagli da 100.000 euro

Landi Renzo lancia minibond da 35 milioni. Come preannunciato lo scorso mese di aprile dal Cda, Landi Renzo, società italiana specializzata nella produzione di impianti per motori a gas, quotata a Piazza Affari, ha dato il via alle negoziazioni delle proprie obbligazioni. Si tratta di un prestito senior da 35 milioni di euro che potrà essere incrementato fino a 50 durante il periodo di maturazione. Inizialmente Landi Renzo aveva ottenuto garanzie dalla Banca Popolare di Vicenza, specializzata nella strutturazione di minibond, per il collocamento di una size di 25 milioni, ma poi la promettente risposta degli investitori istituzionali ha fatto salire l’importo fino a 35.   Obbligazioni Landi Renzo 6,10% 2020   Il minibond è di tipo senior ed è in negoziazione sul segmento ExtraMOT Pro gestito da Borsa Italiana e rappresenta la 112esima emissione per questa categoria di titoli che ha già visto la raccolta complessiva arrivare a 5 miliardi di euro. L’obbligazione Landi Renzo (IT0005107237), emessa alla pari, è negoziabile per tagli minimi di 100.000 euro e multipli analoghi, paga un coupon su base semestrale del 6,10% il 30 giugno e 30 dicembre di ogni anno. Il rimborso è previsto in unica soluzione il 15 maggio 2020, salvo possibilità di richiamo anticipato (call) secondo le clausole del regolamento. Il bond gode di rating B1.1 secondo le valutazioni di Cerved, il che lo pone a metà della scaletta dei valori che rappresentano i giudizi di merito creditizio, in linea con i conti della società   Landi Renzo, peggiorano i conti nel primo trimestre     Landi Renzo – si apprende da una nota – ha chiuso il 2014 con una perdita netta di 1,8 milioni di euro, in miglioramento rispetto ai 25,6 milioni  registrati nel 2013. Il fatturato è di 233,2 milioni (+5% a/a), l’Ebitda è di 18,3 milioni (+66% a/a), l’Ebit di 2,6 milioni (-22,2 milioni in 2013). Il Risultato ante imposte è negativo per 0,1 milioni, al netto di -0,2 milioni per oneri non ricorrenti, in confronto ad un risultato negativo per 26,8 milioni al 31 dicembre 2013, di cui -15,6 milioni per oneri non ricorrenti. Negativo anche il primo trimestre 2015 che si è chiuso con una perdita netta di 2,7 milioni di euro in peggioramento dai -2,4 milioni del corrispondente periodo del 2014. Il fatturato è ammontato a 45,6 milioni da 48,1 milioni, l’Ebitda a 0,04 milioni da 1,5 milioni, l’Ebit a -3,8 milioni da -2,2 milioni e l’indebitamento finanziari netto a 58,2 milioni da 47,2 milioni al 31 dicembre 2014 e da 56,1 milioni al 31 marzo 2014. [fumettoforumright]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni High Yield, Obbligazioni societarie, Ratings

I commenti sono chiusi.