Minibond Fecs Partecipazioni rende il 4,25% per 6 anni

L’obbligazione Fecs Partecipazioni (IT0005331340) è stata collocata per 8 milioni di euro ed è negoziabile su ExtraMOT Pro

di Mirco Galbusera, pubblicato il
L’obbligazione Fecs Partecipazioni (IT0005331340) è stata collocata per 8 milioni di euro ed è negoziabile su ExtraMOT Pro

Proseguono i collocamenti di minibond a Piazza Affari. Da pochi giorni ha infatti preso formalmente il via alle negoziazioni sul mercato ExtraMOT Pro di Borsa Italiana il minibond lanciato da Fecs Partecipazioni s.p.a., gruppo industriale bergamasco attivo nel riciclo dell’alluminio.

Dal 3 maggio 2018 è infatti quotato sul mercato regolamentato riservato agli operatori professionali e gestito da Borsa Italiana un piccolo prestito obbligazionario da 8 milioni di euro denominato “Fecs Tf 4,25% Dc24 Amort Call Eur”.

 

Minibond Fecs 4,25% 2024

 

Il bond Fecs Partecipazioni è negoziabile su ExtraMot Pro per tagli da 100.000 euro e stacca la cedola su base semestrale pari al 4,25% annuo, il 30 giugno e il 31 dicembre. Emesso il 3 maggio 2018 alla pari, il rimborso del bond è previsto in forma ammortizzata con rate del 10% del valore nominale a partire dal 30 giugno 2020 ed estinzione del prestito a scadenza il 31 dicembre 2024. Il bond è di tipo  senior (codice ISIN IT0005331340), e’ stato sottoscritto da investitori istituzionali e Confidi Sistema alla pari ed e’ finalizzato a sostenere la crescita e lo sviluppo del business. Principalmente il finanziamento sosterrà l’incremento della capacità produttiva della nuova tecnologia brevettata e l’ampliamento della gamma prodotto dei radiatori. A tal proposito si segnala come a marzo è stato presentato in fiera il primo modello di radiatore elettrico andando così a coprire una nuova fetta di mercato. Obiettivo del gruppo è anche quello di rafforzare il presidio geografico a livello europeo.

 

Fecs Partecipazioni s.p.a.

 

Fecs Partecipazioni, con sede a Verdellino (BG), è la holding del gruppo FECS, gruppo industriale che fa capo all’imprenditore Olivo Foglieni. Il Gruppo è un insieme integrato di attività nel settore del recupero e riciclo di materie prime metalliche; l’unico in grado di produrre manufatti di alluminio di altissima qualità tecnica con trasformazione diretta da rottami, recuperati e valorizzati. Nel 2016 il gruppo ha brevettato un’innovativa tecnologia che impiega un tipo di rottame mai utilizzato in precedenza nei processi produttivi: il truciolo di alluminio. Il fatturato previsto per il 2017 è di circa 185 milioni di euro (dai 178,8 milioni del 2016) con un ebitda di circa 12 milioni (da 10 milioni). Nel 2016 il gruppo ha chiuso l’esercizio con 89 milioni di euro di debito finanziario netto.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Minibond

I commenti sono chiusi.