Minibond: Dynamica Retail colloca altri 2,7 milioni

Le obbligazioni high yield offrono una cedola fissa del 6% per cinque anni con possibilità di richiamo anticipato. La società è attiva nel ramo finanziario per la “cessione del quinto”

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni high yield offrono una cedola fissa del 6% per cinque anni con possibilità di richiamo anticipato. La società è attiva nel ramo finanziario per la “cessione del quinto”

Dynamica Retail s.p.a. torna sul mercato dei capitali. Dopo aver collocato lo scorso mese di maggio un piccolo prestito obbligazionario da 5 milioni di euro, la società specializzata nell’erogazione di crediti contro cessione del quinto dello stipendio, ha venduto altri 2,7 milioni di euro di bond a investitori istituzionali. Il collocamento si inserisce in un più ampio contesto di funding che la società intende completare entro il 2015 con l’emissione totale di obbligazioni per 8,5 milioni di euro a sostegno dell’ampliamento delle proprie attività.     Obbligazioni Dynamica Retail  S.p.A. tasso fisso 6% 2019     Più nel dettaglio, Dynamica Retail è già presente sul mercato Extra Mot Pro gestito da Borsa Italiana con un bond da  5 milioni di euro senior, interamente collocato lo scorso mese di maggio a favore di investitori qualificati. Il bond, che si chiama Dy.ret S.p.A. 6% 2019 (IT0005024002), è stato collocato alla pari, è di tipo senior, e offre una cedola del 6% fissa fino al 2019, staccabile su base semestrale il 22 maggio e il 22 novembre. A questa emissione si aggiunge ora un altro bond da 2,7 milioni di euro (IT0005068025) con le stesse caratteristiche cedolari, ma con data di stacco su base trimestrale: 19 marzo, 19 giugno,19 settembre,19 dicembre e con data di scadenza 19 dicembre 2019. Negoziabile anch’esso per  lotti da 100.000 euro, risulta poco liquido e difficilmente trattabile, ma con un po’ di pazienza è possibile acquistarlo anche rivolgendosi a Zenith Service, operatore specializzato in operazioni di finanza strutturata, che ha agito in qualità di arranger per il collocamento. L’obbligazione gode di un’opzione “call” a partire dal terzo anno, per cui può essere richiamata in anticipo a 100.   La raccolta servirà per finanziare la generazione di nuovi crediti   [fumettoforumright]Dynamica Retail – si apprende da una nota – intende utilizzare “i proventi del prestito obbligazionario per finanziare la generazione di nuovi crediti assistiti da cessione del quinto dello stipendio o da delegazione di pagamento destinati ad essere ceduti sia nel contesto di una nuova operazione di cartolarizzazione la cui realizzazione è prevista entro la fine del 2014 e sia nell’ambito di un accordo di cessione crediti pro soluto concluso dall’Emittente con un primario Istituto di credito. La struttura della nuova operazione di cartolarizzazione prevede che l’emittente realizzi cessioni periodiche, per un minimo di 100 milioni di euro, riguardanti pacchetti di crediti assistiti da cessioni del quinto o della pensione e delegazioni di pagamento, ad una società veicolo costituita ai sensi della legge sulle cartolarizzazione n. 130/99. Nel corso di un cd. “ramp up period” della durata massima di 18 mesi, i crediti saranno ceduti man mano che essi verranno generati. I proventi del prestito obbligazionario saranno pertanto sostanzialmente impiegati per consentire all’Emittente di finanziare l’erogazione di nuovi prestiti nel periodo intercorrente tra l’esborso dell’importo finanziato al debitore finale e la data di cessione del credito stesso al veicolo di cartolarizzazione ovvero alla banca cessionaria nell’ambito delle cessioni pro soluto di cui sopra”   Dynamica Retail, un giro d’affari da 70 milioni all’anno     Nonostante le difficoltà del periodo congiunturale, Dynamica Retail ha chiuso l’esercizio 2013 con un utile netto di 131mila euro a fronte di un giro d’affari di quasi 70 milioni. La rete commerciale vanta 50 agenti distribuiti sul territorio nazionale e del canale web. Nell’ambito degli sforzi rivolti al reperimento delle risorse finanziarie necessarie all’attività di erogazione dei finanziamenti, occorre registrare l’importante risultato ottenuto dalla società nel corso dell’esercizio appena concluso, consistente nella strutturazione di un’operazione di cartolarizzazione dei crediti rinvenenti da finanziamenti contro cessione del quinto e delegazione di pagamento. Sebbene l’operazione disecuritisation riguarderà i crediti che saranno erogati nel 2014, l’iter di approvazione si è concluso positivamente a dicembre 2013. L’importante risultato raggiunto è rappresentativo dell’immagine di affidabilità e qualità nella gestione del credito che la società ha saputo costruire negli ultimi anni.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni High Yield, Obbligazioni societarie

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.