Mercato aspetta dati e Bce, ma attenzione a Juncker-Trump

Lo spread Btp/Bund ha aperto poco mosso a 228,171 punti base, rispetto ai 226,752 della chiusura di ieri

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Lo spread Btp/Bund ha aperto poco mosso a 228,171 punti base, rispetto ai 226,752 della chiusura di ieri

Lo spread Btp/Bund ha aperto poco mosso a 228,171 punti base, rispetto ai 226,752 della chiusura di ieri. Il Bund decennale scambia poco mosso con un rendimento di circa lo 0,38%, in attesa della pubblicazione dell’indice Ifo e del collocamento del nuovo Bobl tedesco a 5 anni.

La politica si avvia verso la sua pausa estiva e le banche centrali sono nel periodo di blackout pre-incontro, quindi il mercato obbligazionario ha pochi spunti per muoversi”, sostiene l’analista di DZ Bank Christoph Kutt. Per quanto riguarda il dato sulla fiducia delle imprese in Germania, le attese sono per un suo “movimento piú o meno laterale, dato che i rischi dovuti alle tensioni commerciali dovrebbero essere giá stati incorporati nelle aspettative delle societá“, conclude Kutt.

Anche da Commerzbank credono che i bond abbiano pochi spunti per i movimenti, ma mettono in guardia dai rischi commerciali. Secondo lo strategist sui tassi Rainer Guntermann, “gli eventi di oggi non dovrebbero essere in grado di funzionare come catalizzatore visto che domani è attesa la riunione della Bce“. Nel frattempo, l’incontro tra il presidente Usa Donald Trump e il numero uno della Commissione Europea Jean-Claude Juncker potrebbe portare a nuove tensioni commerciali e questo elemento, “unito alla scarsa liquidità sul mercato, potrebbe portare a movimenti nervosi in un periodo di calma come quello estivo”, conclude Guntermann.

Anche per Raiffesen I rendimenti sui titoli governativi europei e gli spread tra i vari Paesi dovrebbero “muoversi principalmente in direzione laterale nei mesi estivi“. Lo suggeriscono gli analisti di Raiffesen, citando anche la “tradizionale limitata attivitá estiva”. Gli esperti consigliano di rimanere ribassisti sull’intera asset class dei bond sovrani europei. In un portafoglio globale ma all’interno dell’Eurozona trovano “attraenti le valutazioni dei titoli spagnoli e gli high-yield“.

La dinamica domanda/offerta estiva potrebbe favorire i Btp. Lo indicano gli analisti di Unicredit, secondo cui “all’inizio di agosto, dai titoli italiani e spagnoli arriveranno circa 55 mld euro di redemptions e cedole, mentre i collocamenti dovrebbero essere limitati”. Tuttavia, avvertono gli esperti, “restiamo cauta sulla prospettiva di una ulteriore contrazione degli spread”. Il Btp decennale scambia con un rendimento di circa il 2,67%.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.