Mercati Est Europa: focus su Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria

Pressione inflazionistica in leggero calo sui Paesi CE3 – Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria. Analisi di Raiffeisen Capital Management

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Pressione inflazionistica in leggero calo sui Paesi CE3 – Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria. Analisi di Raiffeisen Capital Management

La produzione industriale e le vendite al dettaglio in Polonia continuano a essere molto solide e sono superiori alle attese degli analisti. Contemporaneamente si assiste a un lieve calo del tasso di inflazione e di recente è di nuovo sceso sotto il 2%. Un andamento simile dell’inflazione c’è stato anche nella Repubblica Ceca, tuttavia, l’inflazione si trova ancora sopra la soglia del 2%. Rispetto alla Polonia si registra, tuttavia, anche un leggero calo della dinamica congiunturale. La produzione industriale e il consumo sono robusti, ma ultimamente sono stati inferiori alle attese del mercato. A livello di politica interna il mese è stato abbastanza calmo nella Repubblica Ceca – si continua a cercare di formare un nuovo governo.

Questo non lo si può dire dell’ Ungheria – il partito di governo Fidezs del premier Orban a sorpresa ha subito una netta sconfitta contro un candidato comune dell’opposizione in occasione di elezioni locali nel sud dell’Ungheria e questo soltanto poche settimane prima delle elezioni parlamentari. In questo senso è meno a rischio la generale predominanza assoluta di Fidesz ma piuttosto l’attuale maggioranza di due terzi nel parlamento. Orban rischia quindi un sensibile indebolimento della sua posizione di potere.

I mercati azionari della regione hanno tutti perso a febbraio, la Polonia ha subito un ribasso del 7% ed è stata la più debole. Le perdite a Budapest sono state più o meno in linea con la media dei paesi emergenti, mentre la borsa di Praga ha tenuto abbastanza bene con una perdita di appena l’un per cento.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mercati Emergenti