Maire Tecnimont prepara bond retail da 250 milioni

Le obbligazioni Maire Tecnimont saranno offerte al pubblico indistinto sul Mot gestito da Borsa Italiana

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni Maire Tecnimont saranno offerte al pubblico indistinto sul Mot gestito da Borsa Italiana

Il Cda di Maire Tecnimont ha approvato l’emissione di un prestito obbligazionario non convertibile per massimi 250 milioni di euro finalizzato al rimborso parziale del debito bancario a medio/lungo termine in capo alla controllata Tecnimont, attualmente pari a 350 milioni. Il bond, informa una nota, rientra nell’ambito di un progetto di diversificazione delle fonti di raccolta ed ottimizzazione del debito a medio lungo termine finalizzato ad allineare la struttura dello stesso alle mutate esigenze finanziarie del gruppo Maire Tecnimont.

L’emissione obbligazionaria di tipo senior unsecured, con un taglio minimo unitario pari a 1.000 euro, avrà durata di minimo 5 e massimo 7 anni, sulla base delle migliori condizioni che verranno offerte dai mercati finanziari. Il tasso di interesse delle obbligazioni sarà fisso e verrà determinato nell’imminenza dell’avvio dell’operazione e non sarà comunque inferiore al 2,25% su base annua. I termini e le condizioni di emissione delle obbligazioni prevedranno inoltre covenant di tipo incurrence relativi al livello di indebitamento.

Il prestito sarà oggetto di un prospetto informativo da approvarsi da parte della CSSF (Commission de Surveillance du Secteur Financier) lussemburghese e successivamente “passaportato” in Italia, ai sensi delle applicabili disposizioni normative e regolamentari, anche comunitarie, vigenti. E’ poi prevista la quotazione delle obbligazioni sul mercato regolamentato della Borsa Lussemburghese (Luxembourg Stock Exchange), nonché sul Mercato Telematico delle Obbligazioni organizzato e gestito da Borsa Italiana.

E’ inoltre previsto – prosegue il comunicato – che le Obbligazioni vengano offerte al pubblico indistinto in Lussemburgo e in Italia, attraverso la procedura di distribuzione di strumenti finanziari disciplinata dal Regolamento di Borsa Italiana, nonché a investitori istituzionali, in Italia ed all’estero con esclusione degli Stati Uniti, Australia, Canada o Giappone nonché in qualsiasi altro Paese in cui tale offerta o sollecitazione sarebbe soggetta all’autorizzazione da parte di Autorità locali o comunque vietata ai sensi di legge. Equita Sim agirà quale placement agente specialista. Si prevede che, subordinatamente all’ottenimento delle prescritte autorizzazioni e compatibilmente con le condizioni di mercato, l’offerta del prestito obbligazionario verrà avviata nel corso del mese di aprile 2018.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti