Lottomatica lancia bond da 500 milioni, il gioco seduce in momenti di crisi

Il gruppo italiano delle lotterie sbarca sul mercato obbligazionario approfittando del momento favorevole con un’obbligazione a 7 anni che rende il 3,5% a scadenza. Buone prospettive di crescita anche per il 2013

di , pubblicato il
Il gruppo italiano delle lotterie sbarca sul mercato obbligazionario approfittando del momento favorevole con un’obbligazione a 7 anni che rende il 3,5% a scadenza. Buone prospettive di crescita anche per il 2013

Anche Lottomatica approfitta del buon momento dei mercati obbligazionari e dei tassi d’interesse bassi per collocare obbligazioni. Il Gruppo italiano, tra i maggiori player del mercato dei giochi, ha concluso con successo il collocamento di obbligazioni a sette anni per un ammontare complessivo di €500 milioni, riservate esclusivamente a investitori istituzionali e qualificati.

 

Bond Lottomatica 7 anni: risultati del collocamento

Le nuove obbligazioni (XS0860855930), emesse al prezzo di 99,227 sono da oggi in negoziazione sulla Borsa del Lussembrugo per tagli da 100.000 euro e multipli aggiuntivi da 1.000, offrono una cedola annua lorda del 3,50% e un rendimento del 3,57% a scadenza, poso sopra a quello dei titoli di stato di eguale durata, ma comunque inferiore all’altro bond Lottomatica da 750 milioni collocato tre anni fa (XS0471074822) e che ora quota 110. Rispetto alla precedente emissione settennale con scadenza 2016 e cedola del 5,375% – osserva Paolo Cherubini di Nomura – Lottomatica ha fatto notevoli progressi sul piano dei rendimenti pur considerando il livello di rating non proprio eccelso (BBB-; Baa3). Ma si sa, in tempi di crisi le lotterie e le scommesse tirano più che in tempi normali e i soldi in cassa entrano copiosi. Gli analisti hanno infatti migliorato l’outlook da “stabile” a “positivo” in considerazione della robusta performance operativa messa a segno da Lottomatica sia nel 2011 che nei primi mesi del 2012 e grazie all’apporto delle redditizie attività americane gestite da Gtech, controllate da Lottomatica. Malgrado le incertezze economiche in Italia – si apprende da una nota di Standard & Poor’s – il profilo finanziario di Lottomatica continuerà a migliorare sulla scia della capacità di generare liquidità, parte della quale sarà utilizzata per ripagare il debito e dare quindi maggiore flessibilità al profilo finanziario, fino a renderlo più adatto ad un rating più elevato.

 

 

Risultati finanziari incoraggianti e prospettive di ulteriore crescita per Lottomatica 

 

Titolo Lottomatica in borsa

Lottomatica ha quindi approfittato del momento favorevole per rastrellare capitali freschi a basso costo cavalcando altresì l’onda dei buoni risultati trimestrali appena diffusi e pur non avendo una necessità impellente di contrarre nuovi debiti 

In un momento in cui il Gruppo non ha debiti significativi in scadenza – ha commentato Alberto Fornaro, Cfo di Lottomatica Group – approfittiamo delle condizioni favorevoli del mercato per migliorare la nostra liquidità e aumentare la flessibilità finanziaria in mercati molto volatili”. A livello di conti, Lottomatica ha chiuso i primo nove mesi dell’anno con ricavi consolidati netti a quota 740 milioni di euro, in linea con lo stesso periodo del 2011. L’Ebitda nel terzo trimestre del 2012 è aumentato del 3,8%, attestandosi a 246 milioni rispetto ai 237 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso, mentre l’utile operativo è stato pari a 134,5 milioni rispetto ai 129,4 milioni del terzo trimestre dell’anno scorso, segnando un incremento del 3,9%. Dati che fanno ben sperare anche per l’ultimo trimestre dell’anno e incoraggiano gli investitori a puntare sul gruppo italiano anche per i prossimi anni in virtù dei buoni risultati realizzati in un periodo congiunturale difficilissimo. “Alla luce del trend attuale – dichiarano i vertici di Lottomatica – non vediamo motivi per non prevedere una crescita complessiva del gruppo anche nel 2013”.

Argomenti: ,