Lira turca sempre più giù, rendimenti bond sopra il 20%

I rendimenti dei bond turchi a 10 anni sono saliti sopra il 20% per la prima volta dopo oltre tre anni. La crisi valutaria è gravissima.

di , pubblicato il
Rendimenti bond turchi su

Non smette di precipitare la lira turca, che ieri contro il dollaro è arrivata a scambiare a 9,30. Da inizio anno, perde il 20%. I cali stanno accelerando dal taglio dei tassi della banca centrale a settembre. Il costo del denaro è stato ridotto al 18%, quando l’inflazione nello stesso mese è salita al 19,6%. Non c’è più fiducia sui mercati verso la banca centrale. E i rendimenti dei bond sovrani stanno esplodendo per via della fuga dei capitali. La scadenza a 10 anni ieri oltrepassava la soglia del 20%, toccata solamente nell’estate del 2018, quando divampava la crisi valutaria. La scadenza a 2 anni si attestava, invece, al 18,55%.

Le perdite stanno riguardando anche i titoli in valute stranieri. I rendimenti dei bond a 10 anni in dollari sono schizzati al 7,22% dal 5,29% di inizio 2021. E così, lo spread con il Treasury di pari durata è salito di 122 punti base al 5,59%. Il titolo si è deprezzato dell’11% in meno di 10 mesi. E’ il segno che non solo la lira turca, bensì l’intero sistema finanziario di Ankara sia percepito a rischio e poco credibile. Lo spread tra bond in lire e dollari si è così ampliato anch’esso quest’anno, salendo dal 7,34% al 12,88%.

Rendimenti bond turchi esplosivi e inappetibili

Il governatore Sahap Kavcioglu ha dovuto tagliare i tassi d’interesse per non perdere il posto. Il presidente Erdogan pretende che la politica monetaria sia ulteriormente allentata fino a portare i tassi sotto il 10%. Ne sta seguendo la fuga dei capitali, che il governo cerca di tamponare richiedendo che tutti gli acquirenti di dollari presso i cambiavalute forniscano le proprie generalità per essere registrati. Una sorta di “schedatura” di stato per dissuadere le famiglie dal continuare a convertire i risparmi in valuta pesante.

I rendimenti dei bond in lire saranno pure esplosivi, ma ugualmente inappetibili. Chi avesse acquistato un titolo decennale a inizio 2021, già oggi avrebbe accusato una forte perdita sul piano valutario. Il crollo della lira del 20% avrebbe, infatti, nettamente superato il rendimento lordo nel frattempo percepito. Sta avverandosi la profezia di Deutsche Bank della primavera scorsa, secondo la quale a fine anno il cambio contro il dollaro supererà il valore di 10. Quel che è peggio, non sembra esistere alcun “floor” per la caduta.

[email protected] 

 

 

Argomenti: , , , ,