La Grecia rimborserà in anticipo altri 3,6 miliardi di euro di prestiti FMI, grazie ai tassi azzerati

Atene ha avviato la procedura per liquidare anticipatamente le scadenze a favore del Fondo Monetario Internazionale. Risparmierà denari pubblici e salderà quasi l'intero debito con l'istituto.

di , pubblicato il
Prestiti FMI rimborsati in anticipo dalla Grecia per altri 3,6 miliardi

Il ministro delle Finanze, Christos Staikouras, ha annunciato di avere avviato le procedure per il rimborso anticipato di altri 3,6 miliardi di euro di prestiti elargiti alla Grecia dal Fondo Monetario Internazionale (FMI). I pagamenti riguarderanno le scadenze relative al 2021 e al 2022. Con la decisione, salgono a 6,3 miliardi di euro i prestiti dell’istituto di Washington rimborsati prima del termine su un totale di 8 miliardi erogati, circa l’80%. Il ministro ha voluto precisare che l’operazione avverrà nel pieno rispetto dei termini legati al finanziamento, che contemplano la consultazione con i creditori.

In altre parole, così com’è avvenuto lo scorso anno, servirà l’ok dei partner dell’Eurozona, in qualità di principali creditori pubblici. La Germania ha preteso negli anni passati il coinvolgimento dell’FMI nei salvataggi internazionali a favore di Atene, in modo da poter confidare su un creditore apolitico e non suscettibile teoricamente di interferenze politiche con le sue valutazioni. L’FMI non ha partecipato al terzo e ultimo “bail-out” del 2015, considerando “non sostenibile” il debito pubblico ellenico.

Il rimborso anticipato è un segnale positivo per gli obbligazionisti. I prestiti dell’FMI sono stati erogati a tassi d’interesse nettamente superiori al costo sostenuto oggi dalla Grecia sulle nuove emissioni. Considerate che attualmente il bond più longevo è quello con scadenza nel lontano 2042 e offre un rendimento di appena l’1,10%. Lo stesso decennale rende poco più dello 0,60%. L’operazione consentirà, quindi, alle casse dello stato di risparmiare qualche centinaio di milioni di euro di interessi su base annua. A dire il vero, il rimborso anticipato non necessiterebbe neppure di emissioni di nuove obbligazioni per essere finanziato, dato che la Grecia dispone di liquidità per circa 35 miliardi, qualcosa come 20 punti percentuali di PIL.

Bond Grecia promossi da Moody’s, l’unico rischio serio resta Francoforte

Prestiti FMI più onerosi dei bond

Al termine del terzo trimestre di quest’anno, i prestiti dell’FMI incidevano per appena l’1,45% dell’intero debito pubblico ellenico da 364,9 miliardi, cioè per 5,3 miliardi. Con il rimborso anticipato, quindi, entro breve le esposizioni residue di Atene verso l’istituto scenderebbero a 1,7 miliardi. Il paese può vantare al momento di uno tra i debiti con durata media più elevata al mondo, pari a 20 anni. Questo lo si deve sia all’allungamento delle scadenze seguito alla ristrutturazione del debito del 2012 a carico dei creditori privati, sia alla concessione da parte dell’Eurozona di prestiti a lungo termine. Questi ultimi, tuttavia, dal 2023 imporranno il pagamento di interessi significativamente più bassi di quelli applicati dall’FMI.

A queste condizioni di mercato, comunque, la Grecia può permettersi di sostituire gradualmente i prestiti dei creditori pubblici con emissioni a lunga scadenza, cioè capitali raccolti sui mercati. In un certo senso, ciò equivarrebbe ad allentare la dipendenza da Bruxelles. Chiaramente, tutto ciò viene reso possibile dalla discesa in campo della BCE a sostegno degli stimoli fiscali dei governi dell’area per combattere il Covid. Senza di essa, un emittente “junk” con un rapporto debito/PIL verso il 200% non potrebbe di certo permettersi rendimenti negativi fino ai 6 mesi e sotto l’1% fino ai 20 anni.

La Grecia resta un’opportunità per i bond anche nel 2021, ecco i numeri che lo dimostrano

[email protected] 

Argomenti: ,