KME e Intek: riduzione di capitale in cambio di obbligazioni all’8%

Offerta pubblica di scambio sulle azioni in circolazione delle due società entro tre mesi. L'operazione è finalizzata alla creazione di un'unica realtà finanziaria facente capo al gruppo metallurgico toscano. I nuovi bond saranno emessi nel 2012 e avranno durata quinquennale

di , pubblicato il
Offerta pubblica di scambio sulle azioni in circolazione delle due società entro tre mesi. L'operazione è finalizzata alla creazione di un'unica realtà finanziaria facente capo al gruppo metallurgico toscano. I nuovi bond saranno emessi nel 2012 e avranno durata quinquennale

Kme lancia un’offerta pubblica di scambio volontaria Ops 

KME Group, ex Società Metallurgica Italiana (Smi Metalli), intende trasformare il capitale azionario in debito. Di questi tempi appare abbastanza strano, poiché le società indebitate stanno cercando di fare esattamente il contrario per sopravvivere. Qui sembrerebbe, invece, che KME scoppi di salute. E’ quindi l’eccezione che conferma la regola o c’è sotto qualcos’altro? Prima di dare un’occhiata ai conti societari, analizziamo l’operazione della capogruppo. La Holding fiorentina, che controlla un gruppo di società attive nella produzione e commercializzazione di metalli non ferrosi (laminati, tubi in rame, barre d’ottone e prodotti diversificati), ha lanciato un’offerta pubblica di scambio volontaria (Ops) avente ad oggetto la totalità delle azioni ordinarie proprie in circolazione che subito si sono allineate al prezzo di riferimento con un balzo a doppia cifra. L’offerta – si legge nel comunicato ufficiale emesso dalla società – prevede l’assegnazione di un titolo obbligazionario di nuova emissione da parte della KME Group del valore nominale di 0,42 euro, con durata 5 anni e interessi dell’8% annuo, in cambio di 1 azione.

Kme e Intek verso la fusione

La stessa operazione è prevista per il capitale di Intek, società di partecipazioni dedicata prevalentemente ad acquisire e gestire aziende industriali con specifiche potenzialità di sviluppo, con la sola differenza che il valore nominale delle obbligazioni Intek sarà di 0,50 euro. Entrambe le società, quotate in borsa, sono controllate da Quattroduedue Holding, la società di Vincenzo Manes, il quale ha intenzione di semplificare la catena di controllo attraverso la fusione di Intek e Quattroduedue in KME Group. Lo scopo, infatti, dell’azionista di maggioranza non è quello di procedere a un delisting delle aziende quotate, tant’è che sono state escluse dall’operazione le azioni di risparmio in maniera tale da non superare il 95% di possesso finale da parte di un solo soggetto per cui scatterebbe un’offerta obbligatoria a norma di legge, ma di valorizzare il proprio investimento a condizioni più vantaggiose rispetto agli attuali andamenti di mercato, beneficiando di una remunerazione costante nel tempo.

L’operazione – precisa Manes – è subordinata all’approvazione delle rispettive assemblee dei soci previste per il prossimo mese di Gennaio e permetterà alle società offerenti di realizzare l’acquisizione di azioni proprie ad un prezzo inferiore al loro valore di patrimonio netto. 

Solida struttura finanziaria

prodotti di punta in rame di KME

Per quanto concerne il gruppo facente capo a KME – come appreso da fonti societarie – gli effetti dell’operazione si inserirebbe in una solida struttura finanziaria che, al 30 giugno 2011, presentava un indebitamento netto consolidato di Euro 80,4 milioni (in riduzione di Euro 143,4 milioni rispetto al 31 dicembre 2010) ed un patrimonio netto consolidato (escludendo l’utile di periodo) di Euro 444,2 milioni. A livello della capogruppo, la situazione patrimoniale al 30 giugno 2011 di KME evidenziava una posizione finanziaria attiva di Euro 7,9 milioni (in riduzione di Euro 6,6 milioni rispetto al 31 dicembre 2010 per il pagamento dei dividendi relativi all’esercizio 2010) ed un patrimonio netto di Euro 464 milioni. Dal lato degli investimenti di portafoglio, KME ha impegnati Euro 384 milioni nel core business del gruppo rappresentato dal settore “rame” e dispone di investimenti in altri settori (“energie rinnovabili”, “servizi” e “altre attività”) del valore contabile complessivo di Euro 73 milioni. Anche per quanto riguarda Intek, l’operazione è sostenibile a fronte di un indebitamento netto consolidato al 30 giugno 2011 di Euro 23,6 milioni (in aumento di Euro 18,7 milioni rispetto al 31 dicembre 2010, per effetto essenzialmente del pagamento di dividendi, per Euro 7,9 milioni, dell’acquisto di azioni proprie per Euro 1,7 milioni, e del pagamento dell’ultima rata del debito per l’acquisto di IntekCapital S.p.A., per Euro 7,6 milioni).

Il patrimonio netto consolidato del gruppo facente capo a Intek al 30 giugno 2011, ante risultato del periodo, era pari ad Euro 110 milioni.

Il dettaglio dell’offerta KME Group

Titolo azionario KME Group

L’offerta di scambio che sarà promossa a breve, è rivolta ai soli portatori di azioni ordinarie dei piccoli azionisti di KME con un premio del 52% rispetto al prezzo delle azioni in borsa, con esclusione dei titoli di risparmio, dei warrant KME, delle azioni indirettamente in mano all’azionista di controllo Quattroduedue Holding (41,3%) e di quelle derivanti dai warrant detenuti sempre dall’azionista di controllo. L’Offerta di Scambio KME, pertanto, avrà ad oggetto n. 254.795.068 azioni ordinarie KME prive di valore nominale, pari al 56,96% del capitale sociale ordinario dell’emittente. Il corrispettivo offerto è rappresentato da 1 titolo obbligazionario KME di nuova emissione del valore nominale unitario di Euro 0,42 ogni 1 azione ordinaria KME portata in adesione all’offerta. Le nuove obbligazioni KME offerte in scambio avranno durata di 5 anni dalla data di emissione e matureranno interessi su base annuale pari all’8%. Le ulteriori caratteristiche delle obbligazioni KME saranno determinate dal Consiglio di Amministrazione della società anteriormente alla promozione dell’Offerta di Scambio KME. I Titoli Obbligazionari KME verranno emessi alla data di pagamento dell’Offerta di Scambio KME e, a tale data, saranno quotati sul Mercato Telematico delle Obbligazioni e dei Titoli di Stato. L’Offerta di Scambio KME sarà condizionata al raggiungimento di una soglia minima di adesioni pari al 30% del capitale sociale di KME rappresentato dalle azioni ordinarie in circolazione al 25 Ottobre 2011.

Il dettaglio dell’offerta Intek 

Titolo azionario Intek

Intek offerta di scambio: ecco le caratteristiche – Stessa cosa per Intek. L’Offerta di Scambio è rivolta ai soli portatori di azioni ordinarie, con un premio del 64% rispetto al prezzo delle azioni in borsa , con esclusione di ogni altro strumento finanziario emesso dalla stessa Intek e, quindi, con esclusione delle azioni di risparmio, dei warrant e delle azioni possedute dall’azionista di controllo.

L’Offerta di scambio Intek, pertanto, avrà ad oggetto n. 64.774.062 azioni ordinarie prive di valore nominale, pari al 49,66% del capitale sociale ordinario dell’emittente. Il corrispettivo offerto è pari a 1 titolo obbligazionario Intek di nuova emissione del valore nominale unitario di Euro 0,50, ogni 1 azione ordinaria Intek portata in adesione all’offerta. Le nuove obbligazioni Intek offerte in scambio avranno durata di 5 anni dalla data di emissione e matureranno interessi su base annuale pari all’8%. Le ulteriori caratteristiche delle obbligazioni Intek saranno determinate dal Consiglio di Amministrazione della società anteriormente alla promozione dell’Offerta di Scambio Intek. Tali titoli verranno emessi alla data di pagamento dell’Offerta di Scambio Intek e saranno quotati sul MOT. L’Offerta di Scambio Intek, come quella per KME, sarà condizionata al raggiungimento di una soglia minima di adesioni pari al 30% del capitale sociale di Intek rappresentato dalle azioni ordinarie in circolazione al 25 Ottobre 2011.

Argomenti: