Investire nelle obbligazioni CDP 2026 tasso misto o nel BTp a 5 anni?

Cerchiamo di capire quanto siano effettivamente equivalenti le obbligazioni CDP e i BTp per la scadenza quinquennale.

di , pubblicato il
Obbligazioni CDP o BTp 5 anni?

Due anni fa, Cassa depositi e prestiti (CDP) raccolse 1,5 miliardi di euro sul mercato con l’emissione di obbligazioni a 7 anni e con scadenza 28 giugno 2026 (ISIN: IT0005374043). Questi titoli debuttarono con tasso misto. Per i primi due anni, cioè fino alla fine del mese scorso, offrivano una cedola fissa del 2,70% lordo. A partire dal terzo anno, invece, la cedola è diventata variabile e pari all’Euribor a 3 mesi più uno spread di 194 punti base o 1,94%.

Allo stato attuale, l’Euribor a 3 mesi rende il -0,55%. Dunque, la cedola sarebbe oggi dell’1,39%. Ipotizzando che il tasso di riferimento rimanesse invariato fino alla scadenza delle obbligazioni CDP, il loro rendimento si attesterebbe oggi allo 0,21%. Questo, perché il titolo di acquista sul mercato secondario a una quotazione nettamente sopra la pari, a 105,76 nella mattinata odierna.

Obbligazioni CDP e rischio tassi Euribor

E il BTp a 5 anni? Abbiamo la scadenza 1 giugno 2026 e cedola 1,6% (ISIN: IT0005170839). Esibisce una quotazione di poco inferiore a 108, per cui offre un rendimento sottozero: -0,01%. Ne consegue che non solo questo titolo di stato offre un rendimento inferiore a quello delle obbligazioni CDP di pari durata, ma oltretutto intaccherebbe il capitale. In entrambi i casi, comunque, siamo ben sotto i livelli d’inflazione. In termini reali, quindi, i rendimenti sarebbero profondamente negativi, per cui “bruceremmo” i nostri soldi investendo in asset che neppure ci proteggerebbero dalla perdita di potere d’acquisto.

E’ naturale che le obbligazioni CDP rendano un po’ a premio sui BTp. Per quanto l’ente sia controllato dallo stato, non possiamo assimilarli del tutto ai titoli del debito pubblico. Detto questo, nel caso specifico ci troviamo di fronte a una scommessa sull’andamento dell’Euribor nel medio e lungo periodo.

Se ritenessimo che questi salirà in misura sostenuta nei prossimi anni, dovremmo optare per le obbligazioni CDP a maggior ragione. Ciò non sembra stia avvenendo, altrimenti il loro rendimento risulterebbe più vicino a quello dei BTp. In effetti, ai minimi dell’anno toccati da entrambe le quotazioni a maggio, le obbligazioni CDP offrivano solamente lo 0,07% in più dei BTp 2026.

Nelle ultime settimane, le prospettive di politica monetaria sono mutate in direzione più accomodante. Questo significa che verosimilmente la BCE alzerà i tassi più tardi e non cesserà presto di acquistare bond. E l’Euribor rimarrebbe molto basso più a lungo del previsto, riducendo la cedola delle obbligazioni CDP e rendendo queste ultime meno appetibili. Ed ecco che il mercato pretende rendimenti nominali più alti per inserirle in portafoglio contro il rischio tassi.

[email protected] 

Argomenti: , , ,