Investire in sicurezza: le obbligazioni Verisign

La società del famoso antivirus Norton commercializzato dalla Symantec non conosce crisi. Gli utili sono balzati del 123% nel 2012 e il bond da 750 milioni di dollari appena collocato è andato a ruba

di Mirco Galbusera, pubblicato il
La società del famoso antivirus Norton commercializzato dalla Symantec non conosce crisi. Gli utili sono balzati del 123% nel 2012 e il bond da 750 milioni di dollari appena collocato è andato a ruba

Uno dei settori più trainanti dell’era moderna nel settore informatico è sicuramente quello dell’industria degli antivirus e dei sistemi di sicurezza. Il proliferare dei mezzi di telecomunicazione e delle attività informatiche, sia nel settore privato che in quello aziendale e della pubblica amministrazione, ha fatto esplodere nell’ultimo decennio la domanda di sicurezza per la protezione dei dati che quotidianamente vengono elaborati dai computer da ogni angolo del pianeta. La richiesta di applicativi capaci di eliminare i virus informatici più dannosi è continuamente alimentata dai continui attacchi e dalle infezioni più contagiose. Uno stato di allarme che impone il costante aggiornamento delle soluzioni antivirus a salvaguardia delle installazioni aziendali. Secondo l’ultimo studio pubblicato da Frost & Sullivan, questi timori fanno bene all‘industria globale degli antivirus, che partendo da poco meno di 2 miliardi di dollari di fatturati nel 2002 arriverà quest’anno a quota 10 miliardi. Più dettagliatamente – secondo la società di analisi Gartner – il mercato della sicurezza ha messo a segno un incremento medio del 15% annuo, trainato dalle forti vendite degli antivirus a pagamento. Il fatturato delle vendite software ha totalizzato più di 15 miliardi di dollari nel 2012, contro i 13 miliardi dell’anno precedente e solo le vendite di antivirus comprendono il 50% dell’intera quota di fatturato, con una crescita del 54,3%. Symantec guida la classifica dei venditori  con il 53,6% del fatturato degli antivirus e il 32,2% dei ricavi della sicurezza a livello mondiale.

 

Obbligazioni VeriSign 4.625% 2023: le caratteristiche 

 

antivirus-online

Investire in questo settore (il che significa esclusivamente obbligazioni estere)  è quindi molto promettente. VeriSign, la nota società americana quotata a New New York detentrice della Symantec che produce il noto antivirus Norton, ha recentemente emesso un bond destinato ad investitori retail da 750 milioni di dollari. I bond Verisign (Isin: USU9221BAA45) hanno durata decennale con scadenza 2023 e pagano una cedola su base semestrale del 4,625%, il 1 maggio e il 1 Novembre. Il titolo è negoziabile al Nyse e sul mercato Over the Counter (Otc) per tagli da 1.000 dollari (circa 765 euro). Da notare che l’offerta iniziale era per 600 milioni di dollari, ma poi l’alta domanda da parte degli investitori di tutto il mondo e dei fondi d’investimento Usa – osservano gli analisti di Moody’s – ha fatto sì che il book arrivasse fino a 750 milioni, scartando comunque una buona fetta di proposte di sottoscrizione. Ciò nonostante, il giudizio di Moody’s sulla società non è cambiato (Baa3) e quello sul bond senior unsecured appena emesso (Ba2) nemmeno. Del resto i conti del primo produttore al mondo di antivirus Norton sono buoni e le azioni quotate sono in continuo apprezzamento a Wall Street dopo che la società si è ricomprata 7,7 milioni di azioni sul mercato giudicandole a sconto.

 

Utili in crescita del 123% su base annua per la società dei Norton antivirus

 

verissign

Nel 2012 VeriSign ha riportato ricavi per 874 milioni di dollari, in crescita del 13% rispetto all’anno precedente quando aveva fatto registrare un fatturato di 772 milioni. Ne ha beneficiato l’utile netto che è balzato a 320 milioni (+123%) contro i 143 milioni del 2011, grazie soprattutto all’incremento del margine operativo che ha superato il 52% del fatturato. A livello industriale, a fine dicembre 2012, VeriSign aveva aggiunto al proprio database di scurezza 121,1 milioni di domini attivi (.com e .net) rappresentati un incremento del 6,4% su base annua. Solo nel quarto trimestre del 2012, ViriSign ha registrato più di 6 milioni di domini internet (+,3% rispetto al trimestre precedente) portando a 252 milioni il numero totale dei domini registrati nel mondo. Un trend destinato a crescere in futuro con l’affacciarsi verso il mondo internet di molti paesi in via di espansione. Il mercato delle società che offrono sistemi di sicurezza, oggi dominato dal Nord America dal punto di vista dei fatturati, vede il crescente ruolo dell’Europa, mentre l’area in maggiore espansione è l’Asia/Pacifico.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni societarie

I commenti sono chiusi.