I creditori dell’Argentina faranno i conti con quest’uomo, bond in ripresa ieri

I bond dell'Argentina hanno chiuso in rialzo ieri dopo la nomina del nuovo ministro dell'Economia. Martin Guzman, 37 anni, allontanerebbe il rischio di "haircut".

di , pubblicato il
I bond dell'Argentina hanno chiuso in rialzo ieri dopo la nomina del nuovo ministro dell'Economia. Martin Guzman, 37 anni, allontanerebbe il rischio di

Martin Guzman è stato nominato a soli 37 anni nuovo ministro dell’Economia in Argentina. Economista della Columbia University di New York e vicino al Premio Nobel Joseph Stiglitz, egli è considerato un giovane accademico critico nei confronti delle politiche di austerità fiscale adottate dalla precedente amministrazione di Mauricio Macri.

Tuttavia, il suo approccio alla rinegoziazione del debito dovrebbe mostrarsi più “soft” di quanto temuto dai creditori dell’Argentina. L’uomo sostiene la tesi per cui Buenos Aires avrebbe non un problema di sostenibilità del debito pubblico, bensì di liquidità.

Possono sembrare solo parole, ma il significato del pensiero che rispecchiano è assai diverso. Per Guzman, i bond dell’Argentina non andrebbero sottoposti ad alcun “haircut”, il taglio del valore nominale già effettuato al 70% sui titoli oggetto di default nel 2001. Egli propugnerebbe, quindi, un allungamento delle scadenze (“roll-over”) e semmai la sospensione delle cedole per alcuni anni, così da far tornare a respirare conti pubblici e Tesoro.

In un certo senso, non una grossa sorpresa, perché era stato lo stesso candidato alla presidenza Alberto Fernandez in campagna elettorale a smentire le voci di una sua volontà di rinegoziazione del debito sovrano attraverso il taglio, parlando di soluzioni alternative. E il presidente-eletto s’insedia proprio oggi, quattro anni esatti dall’inizio della presidenza Macri, che aveva fatto sperare gli argentini e i mercati in un cambio di passo per l’economia domestica. Purtroppo, malgrado alcuni sforzi compiuti e necessari per uscire dall’eterna crisi in cui sembra essersi incagliata l’Argentina, i risultati non sono arrivati, anzi l’inflazione è esplosa sopra il 50%, il pil si è contratto e gli investitori, che avevano appena ripreso a guardare con fiducia al paese latinoamericano, sono andati via nuovamente nel 2018.

Argentina, ristrutturazione del debito e colloqui con FMI i primi passi di Fernandez

Bond Argentina in ripresa

Ieri, il bond secolare in dollari USA con scadenza 2117 e cedola 7,125% (ISIN: US040114HN39) ha guadagnato il 2,5%, salendo a un prezzo di 41,75 centesimi, offrendo così un rendimento lordo di poco inferiore al 18%. Il bond in euro 2038 e cedola step-up (ISIN: XS0501195993) ha messo a segno un rialzo del 3%, mentre è stato vero boom per il titolo in euro in scadenza nel gennaio 2022 e cedola 3,875% (ISIN: XS1503160225), salito dell’8,4%.

Del resto, è logico che se il mercato avesse scontato l’ipotesi più drastica di un “haircut”, adesso migliori le sue valutazioni sui titoli del debito argentino, in attesa di minori perdite del previsto.

Attenzione a una sovra-reazione favorevole. Guzman non sarà propenso al taglio, ma i colloqui con il Fondo Monetario Internazionale e i creditori privati non saranno facili, anche perché il primo quasi certamente accetterà di contribuire al “reprofiling” dei prestiti da poco elargiti, a patto che i secondi partecipino alle perdite in misura non marginale. Inoltre, la vera questione di fondo continuerà a riguardare l’economia. Il neo-ministro è contrario al taglio dei sussidi, avvenuto sotto Macri per ridurre il deficit pubblico, pur avendo surriscaldato i prezzi interni un po’ più a lungo e in misura più marcata delle attese, complice il collasso del cambio. Ma senza un serio programma di risanamento fiscale, quello che attualmente sarebbe percepito come un problema di liquidità si trasformerebbe in uno di sostenibilità del debito.

I deficit di bilancio non sono un’eredità lasciata da Macri, semmai risalgono ad anni di spesa allegra proprio sotto gli otto anni di presidenza di Cristina Fernandez, la quale sarà vice del suo omologo compagno di partito a questo giro. Dunque, nell’immediato si potrebbe anche evitare un esordio troppo doloroso per i creditori, ma se non vi sarà un cambio di passo nella gestione dei conti pubblici, al peggio si arriverà in pochi anni. E quanto accaduto sotto Macri dovrebbe servire da lezione.

Bond Argentina, rischi non uguali per tutti dopo il default del 2001

[email protected] 

 

 

Argomenti: , , , ,