I bond turchi reggeranno al nuovo taglio dei tassi?

La banca centrale in Turchia si avvia a tagliare i tassi in misura consistente dopodomani, stando alle attese del mercato. Sarà un test cruciale per i titoli di stato, da mesi in forte ripresa.

di , pubblicato il
La banca centrale in Turchia si avvia a tagliare i tassi in misura consistente dopodomani, stando alle attese del mercato. Sarà un test cruciale per i titoli di stato, da mesi in forte ripresa.

Non solo BCE. Dopodomani sarà il turno anche della banca centrale turca, che si riunirà per l’ultima volta quest’anno per decidere sui tassi. Il mercato si aspetta un nuovo maxi-taglio, pur in misura inferiore ai 250 punti base di ottobre, quando il costo del denaro venne abbassato dal 16,50% al 14%.

Stavolta, dovrebbe scendere al 12,50%, segnando altri -150 bp. Il governatore Murat Uysal può confidare sulla decelerazione dell’inflazione, scesa in ottobre all’8,6%, pur in rialzo al 10,6% a novembre. E questo mese, sempre stando al mercato, dovrebbe attestarsi all’11,62%.

I titoli di stato hanno offerto sostanziosi recuperi negli ultimi mesi. I decennali rendono ora il 12,59%, molto meno del 16,34% di inizio anno e del 20% della scorsa primavera. I biennali sono scesi al 12,20%, quando avevano aperto il 2019 al 18,80% ed erano arrivati a un apice del 24,53% nel corso dell’anno. In teoria, il taglio dei tassi dovrebbe sostenerne ulteriormente i corsi, a patto che non venga percepito come imprudente. Un indizio sulla credibilità della politica monetaria è dato dai tassi di cambio. La lira turca scambia a 5,80 contro il dollaro, fluttuando da settimane attorno a un range ristretto, quasi a scontare un’assenza di direzione.

Se giovedì i tassi in Turchia verranno abbassati davvero al 12,50%, in termini reali risulteranno inferiori al 2%, un margine più basso della media oggi esistente sui mercati emergenti. In Egitto, ad esempio, i tassi reali risultano di ben circa l’8,50% e ciò attira i capitali esteri, apprezzando il cambio. Reggeranno i bond turchi al nuovo maxi-taglio dei tassi? Poiché esso è nell’aria, se i mercati lo fiutassero come irresponsabile, il cambio si sarebbe deprezzato da giorni, mentre sta rimanendo piuttosto stabile, anche dopo la (scontata) risalita dell’inflazione a novembre.

Bond Turchia ed Egitto meta dei capitali mondiali, ecco perché

Lira turca e bond in recupero, ma fino a quando?

L’attenzione si sta spostando sulla capacità dell’economia turca di riprendersi dalla crisi innescata lo scorso anno dalla tempesta finanziaria. E qui, le notizie appaiono positive. Adesso, ci si attende una lieve crescita del pil per quest’anno (+0,3/+0,4%) e una superiore al 3% per il prossimo biennio, mentre fino a poche settimane fa ci s’immaginava ancora rispettivamente un calo e una crescita asfittica.

L’aspetto interessante della ripresa risiede nell’attrazione dei capitali esteri. Gli investimenti diretti stranieri hanno registrato quest’anno afflussi netti per 13 miliardi di dollari, quando le tensioni geopolitiche e commerciali altrove hanno portato i saldi in area negativa.

Dunque, la Turchia starebbe tornando a diventare meta degli investitori, attratti certamente dai livelli elevati dei suoi tassi, a fronte di un cambio stabilizzatosi dopo più di un biennio piuttosto drammatico, nel corso del quale è arrivato a deprezzarsi del 60%. Questo non significa che le aspettative future siano in sé positive, se è vero che il bond turco in dollari a 5 anni e cedola 6,35% (ISIN: US900123CV04) renda il 5,25%, circa il 7% in meno all’anno di quello in valuta domestica. Pertanto, a parità di rischio emittente, il mercato sconterebbe ancora un indebolimento della lira turca contro il dollaro di oltre un terzo entro il prossimo quinquennio. E questo ci spinge a ipotizzare che il solo taglio dei tassi non sarà capace di sostenere l’obbligazionario, almeno fino a quando non migliorerà l’outlook su inflazione e cambio, entrambi ad influenzarsi a vicenda.

Maxi-taglio dei tassi in Turchia, bond e lira in calo dopo i forti recuperi

[email protected] 

 

 

Argomenti: , , , ,