Green bond FS 0,875% 2023. Caratteristiche

FS ha collocato il suo primo green bond da 600 milioni. Ordini superiori al doppio e cedola 0,875% per sei anni

di Mirco Galbusera, pubblicato il
FS ha collocato il suo primo green bond da 600 milioni. Ordini superiori al doppio e cedola 0,875% per sei anni

Ampio successo per il green bond inaugurale di Ferrovie dello Stato Italiane da 600 milioni di euro che ha ricevuto ordini per oltre 1,3 miliardi di euro. La cedola è fissata allo 0,875%.

L’emissione rappresenta il primo green bond europeo emesso sul mercato da un operatore ferroviario per finanziare nuovi treni sia per il trasporto regionale sia per l’alta velocità. I proventi dell’emissione saranno utilizzati per finanziare i nuovi treni “Electric Multiple Unit (EMU)” per il trasporto passeggeri regionale e nuovi treni Alta Velocità “ETR 1000” per il trasporto passeggeri Alta Velocità. La transazione è stata eseguita dopo il roadshow che la società ha effettuato a Parigi, Monaco, Francoforte, Amsterdam e l’Aia.

 

Green Bond FS 0,875% 2023

 

Gli ordini hanno superato 1,3 miliardi di euro da 115 investitori, di cui più del 60% dall’estero; in base alle analisi di Fs, circa il 50% degli acquisti sono pervenuti da investitori impegnati verso i temi della sostenibilità. L’esecuzione dell’operazione ha permesso ad Fs di fissare una cedola allo 0,875%, che rappresenta la più bassa cedola mai ottenuta da Ferrovie per un’emissione obbligazionaria pubblica sul mercato dei capitali. Lo spread finale è stato fissato a 52 punti base sopra il tasso mid-swap di riferimento – più di 10 punti base in meno della guidance iniziale – equivalente a 1,5 punti base sotto al Btp di medesima durata, alla chiusura dei libri.

Il successo” dell’emissione del green bond di Fs “è la conferma della percezione più che positiva da parte dei mercati del profilo di credito e della crescita di FS Italiane“. Lo ha detto l’a.d. di Fs Renato Mazzoncini, aggiungendo che “testimonia e premia l’impegno che il Gruppo Fs ha verso una mobilità sostenibile“. Inoltre, ha continuato Mazzoncini, “riceviamo dai mercati finanziari l’attestazione di come il nostro approccio “sustainable” accompagni l’intero ciclo di vita del trasporto ferroviario, ivi incluso la fase dell’approvvigionamento delle risorse finanziarie“. “I principi della sostenibilità sono alla base delle nostre scelte strategiche, infatti, con il nuovo Piano industriale 2017-2026, il Gruppo FS Italiane sta realizzando opere e servizi di trasporto che possano creare valore per la collettività in modo duraturo, attraverso un processo di trasformazione del settore, facilitando lo shift modale dall’auto privata verso altre modalità di trasporto meno inquinanti“, ha concluso.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Green Bond, Obbligazioni FS