Grecia, il Parlamento approva nuove misure di austerità

Scendono i rendimenti dei bond greci dopo l’approvazione delle misure di austerità di Atene

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Scendono i rendimenti dei bond greci dopo l’approvazione delle misure di austerità di Atene

Ieri il Parlamento greco ha approvato nuove misure di austerità che serviranno ad Atene per ottenere nuove tranche di aiuti. Previsti interventi su fisco e pensioni oltre a privatizzazioni che serviranno a ottenere le risorse necessarie a pagare debiti per 7,5 miliardi di euro in scadenza a luglio.

 

Le nuove misure, pari a circa 4 miliardi di euro e che comprendono anche un nuovo ciclo di tagli alle pensioni che entrerà in vigore dal 2019, sono state approvate con 153 voti favorevoli dei parlamentari di Syriza e dei loro alleati di destra, i Greci indipendenti. E’ quindi ora molto probabile che i ministri delle Finanze dell’Eurozona diano il loro ok all’erogazione di ulteriore liquidità nelle casse di Atene.

 

Bond Grecia scadenza luglio verso il rimborso

 

Sul fronte obbligazionario, i bond sono in forte rialzo. Il rendimento del decennale ellenico vale il 5,72% e viene scambiato mediamente a 85. Stesso rendimento anche per il bond a due anni con cedola 4,75% e scadenza aprile 2019 che prezza 98,50, mentre l’obbligazione da due miliardi con scadenza 17 luglio 2017 e cedola 3,375% tratta ormai alla pari scontando il rimborso fra due mesi. Atene, come noto, non ha i soldi per poter adempiere al rimborso integrale, ma grazie agli aiuti internazionali il paese adempierà ai suoi obblighi nei confronti dei creditori internazionali.

 

Ristrutturazione debito greco lontana

 

L’Eurogruppo lunedì discuterá poi anche degli obiettivi di bilancio a medio termine della Grecia (dal 2018 in poi) e delle questioni attinenti alla sostenibilitá del debito pubblico del Paese. Nel frattempo però i creditori più influenti del Paese ellenico, la Germania e il Fondo Monetario Internazionale, restano divisi proprio sul tema della ristrutturazione del debito della Grecia. L’unico punto condiviso dalle controparti, secondo quanto riferiscono alcuni funzionari Ue, è che la Grecia dovrà mantenere nei prossimi cinque anni un surplus primario alto, pari al 3,5% del prodotto interno lordo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bond Grecia

I commenti sono chiusi.