Grecia: Moody’s pronta a migliorare il rating sul debito, bond in rialzo

Prosegue l’ascesa dei prezzi dei bond greci grazie anche alla fine del controllo sui capitali nel Paese. Moody’s rivedrà l’outlook sul debito di Atene.

di , pubblicato il
Prosegue l’ascesa dei prezzi dei bond greci grazie anche alla fine del controllo sui capitali nel Paese. Moody’s rivedrà l’outlook sul debito di Atene.

Investire in obbligazioni Grecia non è più rischioso. O almeno, non lo è più come in passato, tenendo conto più dei rendimenti offerti dai bond che dal rating del Paese che veleggia ancora in area “speculative grade”, cioè in quella zona considerata rischiosa da parte degli investitori.

Atene mostra segnali di miglioramento delle proprie finanze e la cura da cavallo imposta dalla Troika in passato sta dando i risultati attesi, nonostante i greci abbiano pagato e stiano ancora pagando un costo elevato per i sacrifici imposti.

Moody’s pronto a migliorare rating sulla Grecia

A tal fine, Moody’s dovrebbe rivedere domani la prospettiva di rating sul credito della Grecia. Attualmente il giudizio su Atene è B1 con outlook stabile, ma potrebbe presto salire di un noch previo cambiamento di prospettive di miglioramento passando da “stabile” a “positivo”. Il rendimento dei titoli di stato a 10 anni è ormai sceso sotto il 2% e il progresso dei prezzi è costante da inizio anno. Gli investitori approfittano anche del fatto che la Grecia è uno dei pochi paesi europei i cui bond sovrani offrono ancora rendimenti positivi nel tratto medio-lungo della curva, a differenza dei Paesi core dove gli interessi sono ormai negativi.

Bond greci a 10 anni rendono meno del 2%

Il rendimento dei bond decennali greci è sceso oggi all’1,83 per cento sorretto dall’annuncio di ieri da parte del primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis, di porre fine ai controlli sui capitali a partire da settembre. Il calo del rendimento è stato di dodici punti base e del 6,45 per cento rispetto alla chiusura di ieri, come riporta il quotidiano “To Vima”. Rispetto ad agosto 2018, il rendimento dei titoli è diminuito di 220 punti base. C’è stato anche una brillante performance delle obbligazioni quinquennali greche, con un rendimento dell’1,092 per cento, in calo di sette punti percentuali rispetto al 26 agosto. Mentre il rendimento dei titoli settennali è stato dell’1,536 percento. Anche i rendimenti obbligazionari a più lungo termine hanno raggiunto un livello record poiché l’obbligazione a 15 anni ha toccato un rendimento del 2,256 percento e l’obbligazione a 30 anni al 2,804 percento.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami