Germania: i bond corti non li vuole più nessuno

Emissione Schatz a 2 anni tecnicamente scoperta. Il rendimento negativo non attrae più nessuno

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Emissione Schatz a 2 anni tecnicamente scoperta. Il rendimento negativo non attrae più nessuno

La Germania ha collocato 3,218 mld di euro di Schatz a due anni, con un rendimento al -0,63%, in calo rispetto al -0,58% dell’emissione del 23 maggio. La domanda da parte degli investitori si è però fermata a 3,718 mld euro, al di sotto dei 4 mld offerti, e l’asta è quindi tecnicamente scoperta.

La Bundesbank ha reso noto che è stato accettato il 100% delle offerte al prezzo minimo e il 100% di quelle non competitive al prezzo medio ponderato. L’ammontare trattenuto per ragioni di mercato è stato di circa 782 mln di euro, cifra che porta il totale a 4 mld euro, come da piani.

Sul mercato è intervenuta quindi la Bundesbank a tamponare, ma è ormai chiaro a tutti che non vi è più convenienza ad investire in titoli di stato che non potranno che scendere di prezzo, visto che la Bce ha annunciato per la fine dell’anno la fine del quantitative easing. Pur considerando i titoli di stato tedeschi come porto sicuro per eccellenza – osservano gli analisti di Rabobank – gli investitori preferiscono guardarsi intorno e focalizzare l’attenzione verso altri paesi periferici dell’Unione Europea dove i rendimenti sono ancora interessanti, anche se occorre assumersi qualche rischio in più

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bond Germania

I commenti sono chiusi.