Fed, tassi fermi ancora per questo mese, poi rialzo a dicembre

Le probabilità che la Fed rialzi i tassi d'interesse a dicembre sono aumentate. L’inflazione americana è in rialzo e l’economia resta solida

di Mirco Galbusera, pubblicato il

La Federal Reserve ha lasciato invariati i tassi di interesse, segnalando però la possibilità di aumento del costo del denaro al meeting di dicembre, l’ultima riunione di quest’anno della Banca centrale Usa.

Il comunicato dell’Istituto presieduto da Janet Yellen evidenzia infatti che l’inflazione si sta stabilizzando, un’indicazione che dimostra che i banchieri centrali sono pronti ad agire al rialzo sui tassi nelle prossime settimane. Il documento suggerisce inoltre che l’asticella è bassa per il primo rialzo dei tassi nel 2016, visto che serve soltanto “qualche ulteriore segnale” di progresso economico prima di agire.

Negli Stati Uniti l’inflazione si sta alzando

I funzionari della Fed hanno preso atto che “l’inflazione è in qualche modo aumentata a partire da inizio anno” e hanno omesso un precedente riferimento al livello dei prezzi ancora basso “nel breve periodo”. “Il Comitato ritiene che le basi per un aumento dei tassi di interesse continuino a rafforzarsi ma ha deciso, per il momento, di aspettare di ottenere qualche ulteriore evidenza di continuo progresso verso gli obiettivi”, si legge nel documento. L’espressione utilizzata è molto simile a quella adottata nel comunicato successivo al meeting di settembre, a parte l’aggiunta della parola “qualche”, che suggerisce come i segnali necessari per un rialzo dei tassi siano diminuiti. Il Fomc ha votato a favore del mantenimento del livello dei tassi con 8 voti favorevoli e 2 contrari. A opporsi alla decisione sono stati il presidente della Fed di Kansas City, Esther George, e il presidente della Fed di Cleveland, Loretta Mester.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp