Fed e Bce, la sfida della normalizzazione

breve analisi dei meeting della BCE e della FED a cura dell’Ufficio Studi di Marzotto Sim.

di Mirco Galbusera, pubblicato il
breve analisi dei meeting della BCE e della FED a cura dell’Ufficio Studi di Marzotto Sim.

Dopo anni di tassi d’interesse ai minimi e politiche fortemente espansive, le principali banche centrali hanno l’arduo compito di normalizzare la politica monetaria con l’obiettivo di non superare il target d’inflazione e ridurre l’incertezza sui mercati. Questa settimana la Fed ha alzato i tassi di 25Bps (già scontato dal mercato) e segnalato un’accelerazione della stretta monetaria rimarcando però – nel linguaggio informale caratteristico di Powell – che il rialzo dei tassi è dovuto ad un’economia che sta “andando molto bene”.

Stessa sfida anche per la Bce, che ieri ha annunciato che – qualora i dati economici dovessero rispettare le stime – il QE verrà ridotto da 30 a 15 miliardi di Euro a partire da ottobre fino a dicembre 2018, quando il programma di acquisti giungerà al termine.

Tuttavia, la Bce ha anche modificato la forward guidance, passando da un generico “i tassi rimarranno bassi a lungo ben oltre la fine del QE” ad “i tassi rimarranno al livello corrente almeno fino alla fine dell’estate 2019”. Di conseguenza, se da un lato ha confermato le aspettative del mercato riguardo la fine del QE, dall’altro ha rassicurato i mercati ancorando i tassi fino all’estate 2019, e sottolineando che la fine del QE dipenderà comunque dalla bontà dei dati macro. Questo cambiamento nella comunicazione, spiega probabilmente il leggero rally (Bund decennale -5.5Bps) osservato sul mercato obbligazionario europeo ed il deprezzamento dell’Euro nei confronti del dollaro che ha raggiunto quota 1.16. (….)

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp