Exor colloca bond a 10 anni in dollari Usa

L’obbligazione senior Exor scade nel 2026 (XS1417003081) e offre un rendimento del 4,4%. Rating BBB+

di Mirco Galbusera, pubblicato il
L’obbligazione senior Exor scade nel 2026 (XS1417003081) e offre un rendimento del 4,4%. Rating BBB+

Exor ha collocato un prestito obbligazionario non convertibile di 170 milioni di dollari, con scadenza maggio 2026, destinato ad investitori qualificati tramite collocamento privato. La nuova obbligazione è stata prezzata a 100 e offre un rendimento del 4,398% annuo con pagamento della cedola su base semestrale. Il bond Exor  (codice ISIN XS1417003081) è stato sottoscritto da investitori istituzionali ed è negozioabile presso la borsa del Lussemburgo per importi minimi di 1000.000 dollari (Usd)  con multipli aggiuntivi di 1.000. Il titolo è valutato ‘BBB+’ da Standard & Poor’s. Il nuovo prestito obbligazionario ha lo scopo di rifinanziare il debito a breve termine. In allegato, il prospetto informativo Prospetto Bond Exor 2026  

Exor, utili in forte crescita nel primo trimestre 2016

 

Exor ha chiuso il primo trimestre con un utile consolidato di 201,1 milioni di euro, a fronte dei 40,6 milioni del pari perdio dell’anno scorso. La crescita di 160,5 milioni, spiega una nota, “deriva sostanzialmente dall’incremento della quota nel risultato delle partecipate per 157,9 milioni (di cui 47,1 milioni derivanti dal primo consolidamento di PartnerRe), dai dividendi incassati da PartnerRe prima dell’acquisizione per 16,1 milioni, dalle plusvalenze sulle cessioni di partecipazioni per 25 milioni, parzialmente compensata dall’aumento degli oneri finanziari netti sull’indebitamento per 14,7 milioni e degli oneri non ricorrenti connessi all’acquisizione di PartnerRe per 33,5 milioni”. Al 31 marzo il patrimonio netto consolidato attribuibile ai soci della controllante ammonta a 9.744,6 milioni, in diminuzione di 393,8 milioni rispetto ai 10.138,4 milioni di fine 2015, per effetto della quota delle differenze cambio da conversione (-466,6 milioni), delle variazioni nette di fair value (-49,4 milioni) e da altre variazioni nette (-78,9 milioni) parzialmente compensate dall’utile del trimestre. Alla fine del trimestre il Net Asset Value (NAV) è pari a 12,389 miliardi di dollari (51,41 dollari per azione), in calo del 7,2% rispetto ai 13,355 miliardi al 31 dicembre 2015.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Bond in dollari USA, Obbligazioni Exor

I commenti sono chiusi.