Esselunga prepara bond da 1 miliardo di euro

Le obbligazioni Esselunga saranno offerte a investitori istituzionali. Al via road show per il collocamento del primo bond senior

di , pubblicato il
Le obbligazioni Esselunga saranno offerte a investitori istituzionali. Al via road show per il collocamento del primo bond senior

Esselunga si prepara a incontrare gli investitori istituzionali per collocare il primo bond dei suoi 60 anni di storia. L’emissione da un miliardo di euro – scrive Repubblica – servirà al colosso italiano della grande distribuzione a rimborsare il pool di banche che a fine giugno ha finanziato il riacquisto del 67% della Villata in mano a Marina, Giuseppe e Violetta Caprotti, eredi del fondatore Bernardo scomparso un anno fa.

 

La prossima settimana il management della società Esselunga guidata da Carlo Salza, accompagnato dalle banche tra cui Citigroup, partirà per un road show. L’obiettivo è di collocare un miliardo di obbligazioni, che saranno quotate sul mercato, con durata compresa tra 7 e 10 anni, e che dovrebbero avere un tasso dell’ordine del 2%. Il bond Esselunga, riservato a investitori istituzionali potrebbe essere suddiviso in due o più tranches, a tasso fisso e variabile e non è escluso che vi possa essere spazio anche per gli investitori retail. Tutto dipenderà dall’accoglienza del mercato e dalla volontà dell’emittente di coinvolgere un maggior numero di investitori anche allo scopo di farsi conoscere in ambito finanziario.

 

L’operazione avrà un effetto positivo sui bilanci di Esselunga, perché consolidare la Villata Immobiliare permetterà alla società di risparmiare il canone degli affitti, che è superiore all’interesse sul debito. Ma soprattutto, per Esselunga si tratta del debutto sul mercato finanziario. Una prima mossa a cui potrebbero seguirne altre, anche perché nell’ambito dell’accordo tombale firmato dagli eredi a inizio estate, è previsto che la quota del 30% in mano a Giuseppe e Violetta venga collocata sul mercato entro quattro anni, salvo che di qui ad allora i padroni del colosso dei supermercati trovino un’altra soluzione condivisa.

 

Esselunga, ricavi in crescita del 3,4%

 

Esselunga si presenterà agli incontri con gli investitori, con una serie di numeri positivi. Tra gennaio e settembre i ricavi sono cresciuti del 3,4% in un contesto non particolarmente effervescente per il settore. E così al 30 settembre il fatturato del gruppo era salito a quota 5,6 miliardi, e le prospettive per fine anno sono ancora più positive. I tassi di crescita maggiori derivano sia da alcune categorie merceologiche, sia dal canale online che sta crescendo a due cifre.

Argomenti: