ENI studia lancio di un bond convertibile da 1,25 miliardi

Il titolo offrirà una cedola bassa per tre anni e sarà convertibile in azioni Snam Rete Gas. Atteso per i prossimi giorni il prezzo e il premio di conversione dell’obbligazione

di , pubblicato il
Il titolo offrirà una cedola bassa per tre anni e sarà convertibile in azioni Snam Rete Gas. Atteso per i prossimi giorni il prezzo e il premio di conversione dell’obbligazione

Tornano in scena i bond convertibili. Strumenti finanziari poco apprezzati dai risparmiatori retail, ma molto gettonati dagli investitori istituzionali perché permettono di godere, sia degli interessi stabiliti dal prestito obbligazionario, sia di sfruttare le opportunità offerte dal mercato azionario sottostante. Il possessore della convertibile, infatti, percepisce un interesse periodico e, nell’ipotesi di non conversione, ha diritto al rimborso del capitale a scadenza. Se invece converte acquisisce i diritti tipici dell’azione che ottiene.

 

Bond convertibile Eni: le caratteristiche allo studio del Cane a Sei Zampe

Ad aprire le danze quest’anno sarà ENI che intende avviare un’offerta di bond senior unsecured convertibili in azioni ordinarie di Snam rete Gas, la controllata del gruppo petrolifero italiano ora in mano anna Cassa Depositi e Prestiti, per un ammontare complessivo di circa 1.250 milioni di euro. A tal fine, Eni prevede il lancio di un’obbligazione con una scadenza breve, a 3 anni, e con una cedola compresa tra 0,125% e 0,625% all’anno, pagabile annualmente in via posticipata. Il premio di conversione sarà determinato al momento del pricing ed è atteso tra il 20% e il 25% superiore al prezzo di riferimento dell’azione ordinaria Snam. In seguito al pricing, Eni – come precisato in una nota diffusa dalla società – intende impegnarsi a non collocare sul mercato ulteriori azioni Snam per un periodo a partire da oggi e fino a 90 giorni dalla conclusione dell’offerta bond. Eni – precisa – darà comunicazione dei risultati del collocamento e dei termini definitivi dell’operazione, determinati a seguito del bookbuilding, appena disponibili. La società intende richiedere l’ammissione alla quotazione dei Bond entro 90 giorni dal regolamento dell’ offerta. I proventi derivanti dalle transazioni saranno utilizzati per finalità di gestione operativa generale.

Barclays, Deustche Bank, Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A.e Morgan Stanley sono i Joint Bookrunners dell’offerta bond.

 

Obbligazioni ENI convertibili in Snam Rete Gas da seguire con attenzione

 

snam

Benché lo strumento finanziario non sia di facile comprensione all’investitore comune, il bond ENI convertibile che sta per essere collocato sul mercato – spiegano gli analisti – rappresenta sicuramente una buona opportunità per tutti coloro che non intendo entrare di petto sul mercato azionario. Il titolo paga un interesse molto basso, ma dà al sottoscrittore la possibilità di convertire l’investimento in tutto o in parte in azioni Snam Rete Gas, cioè di una società che gode dei massimi favori del mercato e stacca un dividendo del 6-7% all’anno. Certo, si tratta di due strumenti finanziari completamente diversi fra loro, ma nei momenti di tempesta o alta volatilità, come successo, conviene stare al riparo sulle obbligazioni potendo, però sfruttare il potenziale dell’azione sottostante in caso di rialzo dei corsi. I professionisti fanno molti arbitraggi con le obbligazioni convertibili e spesso riescono a spuntare rendimenti anche migliori di quelli facciali, per il piccolo risparmiatore è, però, conveniente seguire costantemente l’investimento per cogliere le occasioni del momento. Il bond convertibile non è infatti un titolo da abbandonare nel cassetto fino a scadenza, anche perché la remunerazione che offre è molto bassa rispetto alle obbligazioni ordinarie.

Argomenti: , ,