Enel: nuovo bond su ExtraMot Pro, sono 71 quelli green-social

L'emissione prevede il rimborso in unica soluzione con scadenza il 21 luglio 2025 e il pagamento di una cedola a tasso fisso pari a 1,5%

di , pubblicato il
L'emissione prevede il rimborso in unica soluzione con scadenza il 21 luglio 2025 e il pagamento di una cedola a tasso fisso pari a 1,5%

Con la nuova obbligazione da 1 mld di Enel sul segmento ExtraMot Pro, il listino dei titoli per lo sviluppo sostenibile sui mercati obbligazionari di Borsa Italiana si arricchisce di un’ulteriore emissione sovranazionale. Il segmento Green e Social raggiunge così quota 71 strumenti quotati.

L’emissione, spiega una nota, prevede il rimborso in unica soluzione con scadenza il 21 luglio 2025 e il pagamento di una cedola a tasso fisso pari a 1,5%. Il prezzo di emissione, è stato fissato pari a 98,565% e il rendimento effettivo a scadenza è pari a 1,736%. L’obbligazione viene inclusa nel segmento dedicato ai green e social bond di Borsa Italiana nato per offrire agli investitori istituzionali e retail la possibilità di identificare gli strumenti i cui proventi vengono destinati al finanziamento di progetti con specifici benefici o impatti di natura ambientale e sociale.

I proventi netti dell’emissione saranno utilizzati per finanziare o rifinanziare gli Eligible Green Projects di Enel nell’ambito delle rinnovabili, delle reti, incluse le smart grid, della mobilità sostenibile, smart lighting, efficienza energetica e demand response.

Pietro Poletto, Responsabile dei mercati Etf e obbligazionari del Gruppo London Stock Exchange, ha commentato: “Le tematiche di Enviromental, Social e Governance (Esg) stanno sempre più a cuore agli investitori di tutto il mondo. Sono infatti ritenute fondamentali nello stabilire le loro politiche di investimento. Borsa Italiana, attraverso il segmento Green e Social, ha voluto offrire uno strumento importante per individuare le obbligazioni che finanziano progetti di impatto ambientale e/o sociale, allineandosi così alle best practice internazionali. Negli ultimi anni si è vista una espansione più significativa anche grazie alla spinta impressa dalla Cop21, la conferenza parigina sui cambiamenti climatici, e dagli accordi sul clima. Siamo felici che il segmento continui a crescere anche con l’emissione di Enel e che i mercati di Borsa Italiana possano ulteriormente confermarsi un punto di riferimento per gli investitori attenti alla finanza sostenibile

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: