E se il prossimo governo emettesse i ‘bond Ucraina’ per finanziare il sostegno a Kiev?

Il prossimo governo potrebbe prendere in considerazione l'emissione di "bond Ucraina", obbligazioni per sostenere militarmente Kiev

di , pubblicato il
Ucraina bond per sostenere Kiev?

L’uscita di scena del governo Draghi appesantisce una situazione già complicata in Europa dopo le dimissioni del premier britannico Boris Johnson. Il fronte anti-russo rischia di indebolirsi per le vicissitudini interne alle democrazie occidentali, le quali, pur fisiologiche, potrebbero spingere il Cremlino a pensare di potenziare la propria campagna militare nel Vecchio Continente, mettendo nel mirino ulteriori obiettivi dopo il Donbass. E se per spazzare via ogni dubbio sulla linea di politica estera che seguirà, il prossimo governo uscito vincitore dalle elezioni anticipate decidesse di emettere i “bond Ucraina”?

In questi anni, siamo sempre più stati abituati a che fare con le obbligazioni ESG, sinteticamente definite “sostenibili”. Esse contengono clausole di sostenibilità sociale o ambientale o legata alla governance. Il mercato sta premiando il ricorso all’indebitamento mirato. I green bond, ad esempio, sono titoli del debito che raccolgono capitali per finanziare finalità ambientali espressamente indicate dall’emittente.

I “bond Ucraina” sarebbero il modo con cui il governo italiano chiederebbe al mercato di finanziare il suo sostegno a Kiev, selezionando specifiche voci di spesa, tra cui l’invio di armi necessarie a consentire all’esercito ucraino di difendersi dagli invasori russi. L’emissione avrebbe il pregio di segnalare incontrovertibilmente l’impegno dell’Italia a fianco di un paese europeo dalla sovranità violata.

Bond Ucraina, capitali a basso costo sui mercati

Probabile, poi, che l’emissione raccolga capitali a costi un po’ inferiori a quelli sostenuti ricorrendo all’indebitamento ordinario. Ci sarebbe la fila di investitori istituzionali desiderosi di mostrarsi solidali con Kiev. Inoltre, i “bond Ucraina” diverrebbero una sorta di esempio per tutti gli stati dell’Occidente. I governi si vincolerebbero a utilizzarne i proventi per le suddette finalità, pena la perdita della reputazione.

Sarebbe forse la soluzione ideale per evitare che, pressati dalla crisi energetica, prima o poi cedano dinnanzi all’avanzata russa e cerchino di ammorbidire la loro posizione per ottenere soluzioni migliori sulle forniture di gas russo.

Non si tratterebbe di aumentare il peso del debito pubblico italiano. I “bond Ucraina” semplicemente canalizzerebbero in una voce più certa gli stanziamenti che già ci sono a favore dell’alleato. Sarebbe solo un modo per dire ai mercati e alla Russia che stiamo facendo sul serio. E finiremmo anche per risparmiare sui costi di emissione.

[email protected] 

Argomenti: , ,